CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Terni, in Comune gira la roulette del rimpasto di Giunta: chi sale e chi scende, Di Girolamo alla scelta dei nomi

Politica

Terni, in Comune gira la roulette del rimpasto di Giunta: chi sale e chi scende, Di Girolamo alla scelta dei nomi

Pierpaolo Burattini
Condividi

TERNI – Giorgio Armillei assessore alla Cultura, Carla Riccardi assessore alla Scuola  la collega a Daniela Tedeschi: segnatevi questi nomi perché con molta probabilità da qui a due settimane dovranno prendere cappello dalla Giunta ed uscire. Il sindaco Leopoldo Di Girolamo, dopo mesi di tira e molla screzi e veleni, avrebbe ormai capito che non c’è altra strada (che a lui continua a non piacere) che quella di un sostanzioso rimpasto della compagine di governo. Il Pd come al solito è un coacervo di malumori, strategie e tattiche diverse se non opposte e vanità da prime donne che emergono al primo momento buono. Per carità, anche gli assessori finiti nel mirino non è che fino ad oggi abbiano dato gran prova di saldezza politica: troppe polemiche, personalismi e voglia di strafare quando a servire sarebbe un buono e oscuro lavoro di macchina. Niente da fare e allora il capogruppo Pd Andrea Cavicchio li avrebbe fatto capire al sindaco che altra strada non c’è e prima la si imbocca e meglio è per tutti. Il problema è che se scegliere chi esce non è cosa facile, figurararsi decidere chi subentra. Le liste civiche che hanno appoggiato il sindaco stanno facendo il diavolo a quattro per non essere considerate delle Cenerentola, mentre dentro il Partito democratico la crescita di ambizioni e appetiti si è fatta smodata: nelle ultime settimane incontri informali e telefonate si sono susseguiti a ritmo incalzate. In mezzo a questo tourbillon il sindaco prova a mantenere sangue freddo e piedi per terra: cosa non facile. Senza contare che nella partita dovrebbe rientrare anche le deleghe allo Sviluppo economico e alla Sanità che ora sono nella mani dello stesso Di Girolamo. E allora? Saverio Lamanna di Città Aperta,  Fabio Narciso e Alessandra Pantella consiglieri Pd, sono i nomi che circolano con più insistenza nelle stanze di palazzo Spada e non solo. Ma a detta di molto il mite Di Girolamo non avrebbe nessuna voglia di subire invece che guidare questo rimpasto di Giunta, da qui l’idea che all’ultimo minuto possano saltare fuori delle novità. Una cosa è certa: la roulette del rimpasto di Giunta ha iniziato a girare. Nel frattempo, tra Perugia e Terni tutti si domandano: che partita sta giocando il senatore Gianluca Rossi?

Redazione politica