CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Terni, in coma durante festino, lo scaraventano in strada: sgominato traffico di droga, quattro in manette

EVIDENZA Terni

Terni, in coma durante festino, lo scaraventano in strada: sgominato traffico di droga, quattro in manette

Redazione
Condividi
Un filmato dei carabinieri
Un filmato dei carabinieri

TERNI – Un giro di droga che non si è fermato nemmeno durante il lockdown e che anzi, in piena pandemia ha portato una persona in coma per colpa di un festino a base di alcool e droga organizzato in una via del centro. La vittima è un trentenne italiano che ha accusato un malore durante questo festino sin quasi a non respirare più. Ma invece di chiamare i soccorsi, il proprietario dell’abitazione convocava altri pusher di sua conoscenza per risolvere il problema: il ragazzo, esanime, veniva letteralmente gettato in strada. Il senso civico di due cittadini che avevano assistito alla scena gli ha salvato la vita: soccorso appena in tempo dal 118 e da una pattuglia della Sezione Radiomobile, dopo alcuni giorni di coma il ragazzo si è ripreso ma a quel punto sono scattate le indagini.

Immagini Le immagini della videosorveglianza consentivano dunque ai carabinieri di identificare i quattro “barellieri” e di dare l’avvio all’attività investigativa nel corso della quale è emerso un mondo fatto di festini a base di droga e sono stati riscontrati numerosi episodi di spaccio di cocaina e GHB. In manette sono finite quattro persone, due italiani di 61 e 47 anni, una donna italiana di 45 anni e un marocchino di 26 anni. Altri due, un italiano di 55 anni e un albanese di 29 sono stati denunciati a piede libero, esponsabili a vario titolo di cessione di sostanze stupefacenti,  in particolare la cosiddetta droga dello stupro, abbandono di persona incapace e riciclaggio di denaro.

I proventi stimati dell’illecito  sono di circa 40.000 euro, mentre, quelli del riciclaggio ammontano a 20000, provento dell’attività di spaccio, diretti ad un conto corrente estero acceso in Spagna, nella città di Malaga (che ha dato i natali al celebre pittore e scultore Pablo Picasso, da qui il nome dell’operazione).

Giro Tra i vari pusher che frequentavano il “giro”, spicca la figura di un extra-comunitario irregolare sul territorio che, non potendo giustificare l’invio di ingenti somme di denaro in Spagna, chiedeva ripetutamente aiuto ad un italiano, tratto in arresto nel mese di giugno in flagranza del reato di riciclaggio, subito dopo aver effettuato, presso una filiale del centro cittadino, l’ultima delle tre sostituzioni di denaro riscontrate dai carabinieri.

 

 

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere