CARICAMENTO

Scrivi per cercare



Terni, il tentativo di Pardini dura 36 ore e la sua lista non decolla. Ma non è finita: si cerca nella notte la ‘sorpresa’

EVIDENZA Terni Politica Extra

Terni, il tentativo di Pardini dura 36 ore e la sua lista non decolla. Ma non è finita: si cerca nella notte la ‘sorpresa’

Andrea Giuli
Condividi

Il cortile interno di Palazzo Spada

TERNI – Niente da fare. Ci hanno provato. Ma, onestamente, l’esito rimediato non è esaltante. E l’opzione Pardini dura lo spazio di 36 ore, sí e no. E non c’è manco stata la ventilata sorpresa del giorno dopo, ovvero la chiacchierata e “devastante” candidatura a sindaco di Eros Brega. Sic transit.

Lotta contro il tempo Vero, i tempi sono strettissimi (burocrazia, raccolta firme, logo, lista dei candidati), ma nelle ultime ore e giorni, alcuni degli stessi protagonisti, da Alessandro Pardini ad altri nomi di politici noti in area centrosinistra, seppur prudentemente e informalmente, avevano accreditato la versione di un varo piuttosto certo di almeno una lista civica (se non due) guidata dal medesimo professor Pardini come candidato sindaco. Una lista, non estranea ad alcuni settori del Pd, ma dallo spirito soprattutto civico, indipendente e riformatore.

Sandro Pardini

Sandro Pardini

Trentasei ore concitate, il ritiro Invece, dopo una riunione partecipata giovedì sera e riunioncine plurime, dipanatesi nella giornata di venerdì, per mettere a punto e coordinare non si sa bene cosa, la gioiosa macchinetta da guerra è franata. Pardini avrebbe gettato la spugna, forse per la mancanza concreta di alcune condizioni poste: l’alleanza con una lista politica, magari socialista, e con altre liste-movimenti squisitamente civici. In sostanza, la potenziale, teorica lista di Pardini si sarebbe ritrovata sola soletta. Dunque, nisba.

Pardini: sono dispiaciuto Raggiunto telefonicamente, conferma il rapido tramonto della ipotesi in questione lo stesso Pardini: “Si, purtroppo confermo  che non ci sono le condizioni reali o che io auspicavo per un mio impegno diretto, non mi interessava nè fare il congresso numero due del partito democratico nè l’ennesima listina civica parcellizzata. Sono dispiaciuto, Terni ha perso l’ennesima occasione di avere un fronte civico vero e unito che potesse recitare un ruolo concreto. Pazienza, forse alla mia età mi illudo ancora, ma non ho rivalse da fare e continuo ad andare in sala operatoria”.img_6748

Tentativi estremi nottetempo, c’è la sorpresa? Ciò detto, il lavorìo (verrebbe da dire estremo) di alcuni settori di questo benedetto civismo ed anche di alcuni settori della politica cittadina (non escluso settori dello stesso Pd) non è ancora terminato. Nottetempo (siamo a venerdì sera inoltrata) e sabato mattina continueranno ultimi, sfiancanti tentativi per trovare un “uovo di Colombo”. Riunioni, contatti e telefonate sono in corso. Si fa il nome, addirittura, di un importante consigliere regionale ternano. Che non è Fabio Paparelli. Bah! Poche ore e vedremo. O non vedremo. E domani è il 5 maggio. “Ei fu siccome immobile, dato…”

Tags:
Andrea Giuli
Andrea Giuli

Redattore

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere