CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Terni, i vertici del Briccialdi: “Ore decisive per l’emendamento-salvezza in Parlamento”

EVIDENZA Terni Cultura e Spettacolo Politica Extra

Terni, i vertici del Briccialdi: “Ore decisive per l’emendamento-salvezza in Parlamento”

Andrea Giuli
Condividi

Istituto Briccialdi Terni

TERNI – È una storia, tortuosa, che sembra infinita. La reale sopravvivenza del glorioso istituto musicale ternano “Briccialdi”, ancora una volta, dipende dalle mutevoli dinamiche della politica.

Occhi puntati sull’emendamento-salvezza L’emendamento decisivo che deve trovare definitivo inserimento all’interno della legge di Bilancio dello Stato per il 2018, in discussione in questi giorni alle Camere, e che contiene le risorse economiche (diversi milioni per tre anni) per finanziare la salvifica statalizzazione di 18 istituti musicali italiani tra cui il Briccialdi – è sostanzialmente pronto ma, da quanto è dato capire, entra ed esce pericolosamente dall’impianto della suddetta legge finanziaria, in attesa di una approvazione definitiva. Sembra che si debba attendere giovedì prossimo per un responso in tal senso, anche se le garanzie di successo da parte di importanti protagonisti della vicenda non mancano. Incrociamo le dita.

La città fibrilla Nel frattempo, le voci corrono e la città, soprattutto negli ambienti che si occupano di cose musicali, non se ne sta con le mani in mano. Si cerca di fare pressing sulla politica, insomma moral suasion.

Marco Gatti e Letizia Pellegrini

Marco Gatti e Letizia Pellegrini

Il messaggio dei vertici dell’istituto Ecco allora che, in queste ore determinanti, il presidente e il direttore del Briccialdi, Letizia Pellegrini e Marco Gatti, rompono prudentemente il silenzio e cercano di rassicurare (ma non poi tanto) con una nota congiunta: “Si attendono ad ore importanti novità sulla statalizzazione dei 18 Istituti musicali ex pareggiati, tra cui il nostro Briccialdi. La competente commissione del Senato sta lavorando agli emendamenti alla legge di Bilancio 2018, uno dei quali – inserito martedì scorso e tuttora presente nel testo con adeguata copertura finanziaria – riguarda, appunto, la tanto attesa statalizzazione, sottoscritto da numerosi senatori, tra cui il ternano Gianluca Rossi.

Presidente e direttore del Briccialdi assicurano che fino ad ora nulla è stato lasciato di intentato, lavorando nelle sedi adeguate e nei tempi opportuni, per un esito positivo di questa delicata partita, in collaborazione fattiva con il deputato Marina Sereni e con lo stesso senatore Rossi. In questo momento, non resta che attendere le deliberazioni delle Istituzioni competenti, mentre l’anno scolastico è regolarmente avviato, registrando un sensibile incremento delle iscrizioni.

Evidentemente, l’avvio immediato della statalizzazione consentirebbe di lavorare per l’Istituto in modo più disteso, entro un quadro più solido. Qualora – pur scongiurando l’eventualità – non dovesse essere così, ci sarà soltanto da rimboccarsi le maniche per attuare un “piano B”, predisposto da tempo e che colga l’obiettivo della sussistenza del Briccialdi. In queste ore decisive, la dirigenza dell’istituto segue costantemente l’andamento del dibattito, tramite i propri referenti al Senato e al Miur, nella consapevolezza che adesso c’è solo da vigilare ed attendere, senza perdere la fiducia nella possibilità di proteggere in qualsiasi modo il Briccialdi, vanto, risorsa e ‘storia’ della nostra città.
Anche in questa circostanza i cittadini ternani hanno manifestato in molti modi la viva partecipazione alla vicenda, del cui esito sarà nostra cura dare tempestiva e dettagliata informazione”.

Tags:
Andrea Giuli
Andrea Giuli

Redattore

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere