CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Terni, No Inc: sul via libera dei rifiuti Acea a Maratta attendiamo le istituzioni

Economia ed Imprese Perugia Cronaca e Attualità Terni Politica Narni Orvieto Amelia

Terni, No Inc: sul via libera dei rifiuti Acea a Maratta attendiamo le istituzioni

Andrea Giuli
Condividi

L'impianto TerniBiomassa

TERNI – Anche dopo l’ultima nota del Comune di poche ore fa, riguardante il varo di un Piano ambientale strategico da parte di palazzo Spada, il Comitato No Inceneritori aveva annunciato che sarebbe tornato a farsi sentire sulla questione inquinamento nella Conca.

La nota No Inc E, puntualmente, il comunicato dei NoInc è arrivato. Nulla di tenero, prevedibilmente. “Il tavolo regionale e il programma ambientale ad oggi – si legge nella nota del Comitato – sembrano ricalcare il solito modello in cui ad essere penalizzate saranno solo le fonti inquinanti di uso domestico, e non indicando materialmente, ad esempio, come riuscire a far sì che i 20mila abitanti della zona nord della città riescano ad arrivare in centro, evitando l’uso dell’auto, obiettivo ad oggi davvero difficile da raggiungere. Magari una metro di superficie poteva far comodo”.

Inquinamento industriale Per il Comitato “ripetere all’infinito l’ovvietà per cui traffico e riscaldamento siano le principali responsabili della produzione di polveri sottili non fa certo onore ai tanti partecipanti ai tavoli, poiché nessuno ancora dalle Istituzioni ha saputo rispondere alla domanda più semplice: in che modo acciaieria, inceneritori e quello che resta del polo chimico incidono sulla situazione attuale e quale sia il lascito in termini di contaminazioni diffuse prodotte negli ultimi decenni. Perché questa è Terni, cioè la sua eccezionalità rispetto ad altri centri urbani privi di impianti industriali inquinanti”.

Studio epidemiologico, dov’è? “Altra questione. Lo studio epidemiologico di cui tanto parlano Comune e Regione è un mistero. Chi faccia parte dell’equipe di studio, quali i tempi previsti per la sua redazione e presentazione, se si svilupperà in continuità con lo Studio Sentieri o meno, potrebbero essere utili informazioni da rendere pubbliche per non rimanere nel solito pantano ternano di silenzi o giri di parole”.

Acea e rifiuti a Terni Ma ecco il punto centrale evidenziato dal Comitato: “E veniamo al dunque. A breve la richiesta di Acea di bruciare la parte residua dei rifiuti urbani nel suo inceneritore ternano passerà alla fase di Valutazione di impatto ambientale, dopo la quale la Regione potrà o meno dare l’autorizzazione e quindi nel 2018 vedere arrivare i rifiuti, potenzialmente da qualunque parte d’Italia, in quanto quelli richiesti da Acea non hanno vincoli di bacino. Ebbene, in fase di Via di nuovo Asl, sindaco e Arpa dovranno esprimere il loro parere, scena già vista per l’altro inceneritore in funzione, Terni Biomassa. Dovremo assistere al balletto dei finti pareri contrari e delle relazioni sanitarie che non incidono su nulla? La presidente Marini e il vice Paparelli daranno seguito alle loro dichiarazioni molto agguerrite contro il possibile arrivo dei rifiuti a Terni? Ci sembra poco plausibile che un inceneritore, qualora fosse autorizzato nel 2018 a bruciare i rifiuti urbani e quindi ad assumere un ruolo centrale nel ciclo dei rifiuti regionale, nel 2024 chiuda perché ormai obsoleto. A quel punto i soldi si troveranno”.

Tags:
Andrea Giuli
Andrea Giuli

Redattore

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere