CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Terni, giornata della poesia sugli scalini del Verdi chiuso: intanto il comitato rilancia

Cronaca e Attualità Terni Cultura e Spettacolo

Terni, giornata della poesia sugli scalini del Verdi chiuso: intanto il comitato rilancia

Emanuele Lombardini
Condividi

TERNI – Il clima è un po’ da ‘Circolo dei poeti estinti’, bello e suggestivo. Un microfono, delle casse, la gente che si alterna leggendo le poesie più varie, dagli italiani agli stranieri, dai più noti ai personaggi da scoprire, fino a Bob Dylan. La giornata mondiale della poesia in città- coordinata dal giornalista de lanotiziaquotidiana.it Andrea Giuli è per pochi solo nominalmente, perchè la gente passa, si ferma a sentire e applaude per un attimo riscopre che in fondo, per due ore si sta bene anche senza i social e col contatto umano, a riscoprire quella nobile arte letteraria della quale si parla sempre meno.

Leggere La gente che passa e si ferma, proprio lì, sulle scale di quel teatro Verdi chiuso da tempo  in attesa di lavori di riqualificazione che nemmeno la ‘Fabbrica di San Pietro’. Chi è lì solo per leggere le poesie precisa che “Non facciamo politica, siamo qui solo per celebrare questa giornata”, ma è chiaro che nonostante il cappotto, il venticello che spira dà fastidio. “Perchè potevamo essere da qualunque altra parte, ma se la giornata della poesia abbiamo voluto celebrarla qui, un motivo c’è”.

E così se dentro al Verdi la musica è finita da un pezzo, fuori le parole risuonano forti, e  in fondo pesanti: “Questo teatro è il simbolo della distruzione della città, finchè non ce lo ridaranno”, dice uno dei lettori dal palco. “In fondo anche questo teatro non ha niente, ma ha tutto”, dice qualcun altro parafrasando l’haiku giapponese che ha appena letto. La gente passa, ascolta, applaude, qualcuno si ferma. La poesia esiste. Ed esiste anche un teatro, in fondo, anche se la città l’ha quasi dimenticato.

Riqualificazione, il dibattito continua. Di certo c’è che l’incontro-scontro di idee dei giorni scorsi necessita di una sintesi. Prova a farla Roberto Carelli, presidente del neo costituito comitato civico per il teatro, partendo dalla proposta di un gruppo dei professionisti, per una nuova visione della struttura ma tirando in ballo pure  la recente considerazione dell’ex assessore Armillei: “L’argomento attorno a cui si discute oggi è più ampio di quello che potrebbe avvenire intorno ad una mera opera di riqualificazione e/o ristrutturazione e/o riapertura che dir si voglia- scrive – oggi si progetta il futuro culturale di tutta la città e di tutte quelle Associazioni e enti che del Teatro potranno o vorranno usufruire, a partire dall’Istituto Musicale Briccialdi, eccellenza della città. In questo senso è fondamentale creare un modello organizzativo-gestionale che permetta al Teatro di costituire volano di sviluppo per la comunità piuttosto che voce di spesa per la stessa (come stanno facendo per il Teatro della Fortuna di Fano). Questo si ottiene attraverso la progettazione e la realizzazione di un’opera che costituisca, già in corso di realizzazione, una grande operazione di marketing, ma anche con la previsione di spazi dedicati a servizi di ristorazione e intrattenimento”.

” L’obiettivo si può raggiungere con un concorso internazionale di idee, come già proposto in passato da alcuni assessori della presente amministrazione poi usciti dalla Giunta Comunale, con il realizzare un’opera unica nel suo genere, con le dotazioni tecnologiche (attingendo, se possibile, anche alle risorse messe a disposizione dal Piano Nazionale industria 4.0), con le caratteristiche costruttive anche in termini di efficienza energetica (che possono richiamare fondi pubblici), con la realizzazione di un sistema di produzione di energia elettrica mediante la applicazione di pannelli solari o “finestre solari” atti a limitare le spese energetiche; mediante la previsione e la realizzazione di spazi multifunzionali all’interno dei realizzandi volumi in modo tale da avere più aree da gestire anche dandole in affitto. Per tutto questo servono risorse ma le risorse si trovano se si porta avanti un progetto serio, di qualità e di ampio respiro. Soprattutto tra i privati sensibili. In questo senso abbiamo già ricevuto delle offerte.

Tutto questo non confligge necessariamente con la realizzazione di un “contenitore” moderno costruito intorno ad una sala per il pubblico “antica” (anche Polettiana come qualcuno in città chiede da tempo a gran voce). Infatti quello dello “sbigliettamento” è un falso problema dato che un Teatro non può essere mantenuto solo in virtù del pubblico pagante”.

Concept. Poi rilancia, sulla questione del restauro sul modello Poletti: “I contrari sostengono che non si ha più la memoria storica del Teatro Poletti e che ricostruirlo come era costituirebbe un falso e quindi, da un punto di vista squisitamente accademico, non sia un modello valido da perseguire. A Rimini, dove esiste un teatro polettiano in via di restauro “filologico”, il restauro verrà inserito in un progetto più ampio di pedonalizzazione e riqualificazione della piazza compresa tra il sedime del teatro e la Rocca Malatestiana e, sempre in zona, verrà realizzato un Museo intitolato e Federico Fellini riqualificando un cinema chiuso da tempo e riconvertendolo ad area museale.

“Questa struttura, che abbiamo visitato la settimana scorsa, è diventata, per la qualità e la complessità dell’opera di realizzazione, oggetto di una grande operazione di marketing. Inizialmente osteggiata sia dalla Amministrazione cittadina che dai cittadini residenti stessi, da qualche tempo il cantiere è divenuto meta di eventi, di visite guidate delle scolaresche, di apertura al grande pubblico grazie all’attività dei Volontari del FAI (Fondo Ambiente Italiano). Invitiamo tutta la città di Terni e l’amministrazione in primis, a considerare una visione per il Teatro Verdi, facendolo diventare un concept, un oggetto di culto da venire a vedere almeno una volta nella vita. Si può fare. Basta volerlo e unire le forze verso un obiettivo comune. Basta poco per andare incontro al sentimento della gente rispondendo nel contempo alle suggestioni poste dalla intellighenzia cittadina”

Tags:
Emanuele Lombardini
Emanuele Lombardini

Giornalista, cittadino d'Europa

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere