CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Terni, Fiorini alle regionali con Fdi? E in Giunta Masselli non firma le deleghe

Cronaca e Attualità Terni Politica

Terni, Fiorini alle regionali con Fdi? E in Giunta Masselli non firma le deleghe

Redazione politica
Condividi
L'assessore Masselli
L'assessore Masselli

TERNI -Da tempo circolava la voce e il telefono squillava spesso e volentieri, con dall’altra parte della cornetta Giorgia Meloni o chi per lei. Emanuele Fiorini, già capogruppo della Lega in consiglio regionale e più votato in Comune, oggi al misto, potrebbe candidarsi alle regionali con Fratelli d’Italia.  Il corteggiamento dell’ex operaio Ast da parte del partito della Meloni sarebbe molto insistente, tanto che l’idea originaria, quella di mettere insieme una lista civica di destra o comunque mediamente non specificamente marcata sta lentamente tramotando. Fiorini ancora smentisce, con tutti coloro che glielo chiedono ma le grandi manovre sono già cominciate.

Il problema è che soprattutto in Comune, Fiorini è sull’Aventino del Misto, insieme agli ex colleghi di partito e soprattutto dopo l’ultimo rimpasto, la distanza dall’alleanza che governa la città, di cui FdI fa parte, appare forte.

Nei giorni scorsi, tuttavia, il partito della Meloni, con una dura nota a firma della coordinatrice provinciale Eleonora Pace e del senatore Franco Zaffini, aveva criticato anch’esso le modalità del rimpasto, in particolare la ‘leghizzazione’ della Giunta. Tutto questo mentre l’uscita di Cecconi dalla Giunta veniva compensata con l’assegnazione all’ex capogruppo Orlando Masselli di un assessorato mica da ridere, ovvero il bilancio, rimasto scoperto dopo le dimissioni di Dominici e l’interim dello stesso sindaco Latini.

Oggi, il colpo di scena che forse mette tutto in fila. Orlando Masselli infatti non ha firmato l’accettazione delle deleghe e non si è presentato alla prima riunione di Giunta. Che succederà adesso? E che cosa farà la sua compagna di partito Elena Proietti? Se le tessere del mosaico sono queste, pare di capire che il cammino della Giunta è sempre più accidentato.