CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Terni, espulsa e rimpatriata una giovane nigeriana senza documenti

Cronaca e Attualità Terni Extra

Terni, espulsa e rimpatriata una giovane nigeriana senza documenti

Redazione
Condividi

TERNI – Doppia operazione della Polizia che ha riguardato cittadini di origine nigeriana. Nel primo caso, si tratta di una donna senza documenti, nè fissa dimora che è stata raggiunta dalla Polizia in una zona semi centrale della città, pensando fosse dedita alla prostituzione. Dai controlli è emerso invece essere in Italia per motivi non chiariti, non avendo nemmeno amici o conoscenti. Pertanto, dopo gli accertamenti, è stata espulsa dal Territorio Nazionale ed accompagnata al Centro di Identificazione ed Espulsione di Ponte Galeria (Roma). Ora, la 23enne nigeriana, non appena conclusa la pratica per il riconoscimento della nazionalità, verrà imbarcata su un aereo per fare ritorno nel suo Paese di origine.

Nel secondo caso, sono gli agenti della Polizia Ferroviara, durante un controllo in una fascia oraria del mattino senza treni in arrivo o partenza, a sorprendere due nigeriani fermi a parlottare nel sottopasso. Alla richiesta di controllo documenti, i due hanno una reazione spropositata: iniziano ad urlare e non fanno avvicinare i poliziotti, dando in escandescenze e cercando di colpirli.

Cercano di fuggire dalla stazione e in poco tempo si raggruppa una folla di curiosi. La Polizia Ferroviaria richiede l’ausilio di una Volante che arriva immediatamente ed insieme riescono a fermare uno dei due ragazzi, mentre l’altro si dilegua nelle vie cittadine. A fatica, riescono a portarlo in ufficio, dove, alla fine, dopo circa un’ora, riescono a fargli tirare fuori dalla tasca un regolare permesso di soggiorno rilasciato per attesa protezione internazionale dalla Questura di Rieti. Alla domanda degli agenti sul perché non lo avesse mostrato subito risponde: “Io i documenti li faccio vedere solo alla Polizia di Rieti”. Il 25enne nigeriano è stato denunciato per resistenza e violenza a Pubblico Ufficiale e per il rifiuto di declinare le proprie generalità.