CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Terni, esce “Lontano da tutti”, il film di Andrea Sbarretti: incasso per l’Ospedale

Terni Cultura e Spettacolo

Terni, esce “Lontano da tutti”, il film di Andrea Sbarretti: incasso per l’Ospedale

Emanuele Lombardini
Condividi

TERNI – Esce giovedì nelle sale cinematografiche “Lontano da tutti”, il nuovo film del regista ternano Andrea Sbarretti. Dopo il cortometraggio “L’operaio”, vincitore dell’ Umbria Film Festival, Sbarretti torna a parlare della vicenda Thyssen Krupp. Lo fa raccontando le vicissitudini degli operai dell’Ast dell’estate 2014: il regista si sofferma sulla scelta di un sessantenne ormai prossimo alla pensione, di accettare la buonuscita offerta dalla fabbrica per dimettersi.

Deluso dai governi che si sono alternati, il protagonista Luigi decide di lasciare Terni e andare a vivere nelle montagne fra Leonessa e Polino, conducendo una vita povera e solitaria senza la moglie che resta in città. L’uomo dunque si ritrova senza famiglia e senza lavoro. Ma pur abbandonato da tutti, il protagonista troverà una speranza che gli darà la forza per lottare ancora e ritrovare la serenità.  La storia inizia il 3 agosto, con le riprese reali del primo blocco sulla  superstrada all’altezza di San Carlo, e finisce il 26 dicembre 2014 nella Piana di Castelluccio di Norcia, prima che fosse colpita dal terremoto. Del cast fanno parte  Luigi Fortunati, Giacomo Mollaioli, Pierluigi Bernardini, Matteo Marchetti, Lucio Paoli, Melissa Popoli e da tre attori ‘ospedalieri’, l’autore stesso, Andrea Sbarretti, Roberto Casani, del servizio di Psicologia, e Maila Ciucci, operatrice socio-sanitaria in Ortopedia.

Il film, stato girato tra Terni, Spoleto, Collebertone e Terminillo, arriverà  al cinema Politeama Lucioli di Terni (alle ore 18 e 20,30), dove resterà in programmazione per almeno 2 settimane con 2 o 3 spettacoli al giorno. Sbarretti, regista e produttore, che nella vita è  dipendente dell’ospedale da vent’anni (ettricista con i lavori socialmente utili), poi all’ufficio inventario, cartelle cliniche, risonanza magnetica e oncologia) e il titolare  del cinema, il docente di sociologia Raffaele Federici hanno deciso di donare l’incasso del film, con esclusione dell’ Iva e delle spese vive di gestione, all’Azienda ospedaliera di Terni.

Il gesto di Andrea Sbarretti è chiaro:  “Porre l’attenzione – dice – su quanto sia importante il lavoro che svolge  quotidianamente un ospedale, tra ricoveri, cure, visite, interventi chirurgici, esami diagnostici,  tutto gratuitamente o quasi. Ci rendiamo conto della sua importanza – sottolinea Sbarretti – solo quando stiamo male, invece dovremmo capirlo sempre,  soprattutto quando si è in perfetta salute. Si tende a considerare l’assistenza  sanitaria gratuita un diritto, ma non in tutti i Paesi è così. Consideriamolo un bene di cui è necessario conservarne l’efficacia, evitando anche, a mio parere, attacchi strumentali che sono sempre controproducenti al bene dei pazienti”.

Tags:
Emanuele Lombardini
Emanuele Lombardini

Giornalista, cittadino d'Europa

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere