CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Terni, è morta la professoressa Maria Tedesco Casagrande

Cronaca e Attualità Terni Extra

Terni, è morta la professoressa Maria Tedesco Casagrande

Redazione
Condividi

TERNI – Lutto in città. Se n’è andata nella notte la professoressa Maria Tedesco Casagrande per tutti Marina, presidente onorario della Fondazione Alessandro Casagrande, che sovrintende al concorso pianistico internazionale che porta il nome dell’illustre musicista ternano. Era a capo della Fondazione da oltre vent’anni, dopo la morte della cognata Adriana Morelli Casagrande.

Un personaggio, Maria Tedesco Casagrande, che ha contribuito alla diffusione ed alla valorizzazione della musica classica tra i giovani, che ha lanciato moltissimi talenti, partiti dal palco del concorso ternano e poi diventate stelle di prima grandezza della musica classica. Maria Tedesco li ha accompagnati  nella loro carriera quasi come una madre. Se ne una donna che con grande semplicità ha fatto conoscere la nostra città nel mondo.  La cerimonia funebre avrà luogo domani alle ore 15 presso la chiesa di S.Francesco. La redazione de lanotiziaquotidiana.it si unisce al cordoglio della famiglia e degli amici di Maria Tedesco Casagrande.

Il cordoglio del senatore Rossi.  “E’ venuta a mancare Maria Tedesco Casagrande, Marina, anima del concorso pianistico Casagrande e della Fondazione che lo promuove. Una donna tenace, che con grande determinazione ha guidato per molti anni un’esperienza straordinaria di promozione di giovani talenti nel settore pianistico. Oggi, con la sua scomparsa che salutiamo tristemente, dobbiamo fare nostro l’impegno a non sottovalutare il ruolo che il concorso Casagrande svolge anche a livello internazionale e a difendere il patrimonio culturale che esso ha sempre rappresentato”. Con queste parole il senatore del Partito Democratico Gianluca Rossi esprime il proprio cordoglio per la perdita dell’illustre figura cittadina. Rossi aggiunge e conclude: “con Marina, e prima di lei con Adriana e Franco, promotori della Fondazione dopo la morte di Alessandro Casagrande, viene meno una personalità che ha dato molto alla nostra città”.