CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Terni, dibattito sul referendum costituzionale promosso dai giovani avvocati. Colpo di scena finale

Politica

Terni, dibattito sul referendum costituzionale promosso dai giovani avvocati. Colpo di scena finale

Andrea Giuli
Condividi

I protagonisti del dibattito ternano sul referendum costituzionale

TERNI – Un dibattito interessantissimo, meritorio, quello organizzato venerdì pomeriggio presso la Bct dall’Associazione giovani avvocati ternani e dall’Unione dei giovani commercialisti di Terni sulla complessa e attualissima proposta di riforma costituzionale del governo Renzi, oggetto di imminente referendum confermativo (tra la fine di novembre e i primi di dicembre, pare). Con un colpo di scena. Finale.

Antonio Baldassarre

Antonio Baldassarre

Il professore e presidente emerito della Corte costituzionale, Antonio Baldassarre (uno dei firmatari del documento dei 56 costituzionalisti per il No), durante l’intervento conclusivo del presidente nazionale dei giovani avvocati, Michele Vaira, si è alzato ed ha polemicamente lasciato il dibattito tra gli applausi dei presenti supporters del No e, soprattutto, sotto lo sguardo attonito e preoccupato del presidente dei giovani avvocati di Terni, Antonio De Angelis che moderava il dibattito insieme al numero uno dei giovani commercialisti ternani, Stefano Stellati. Ebbene, fino ad allora, il confronto – seppur con qualche inevitabile divagazione politica – era stato pacato, costruttivo e nel merito. Anche contraddistinto dalla verve puntuta di Baldassarre. Ma quando, Vaira ha ricordato la presidenza della Rai dello stesso Baldassarre sotto il governo Berlusconi, il presidente emerito (che già friggeva da qualche minuto) ha preso e ha guadagnato l’uscita, vociando e ricordando che lui nel 2002 assunse la guida della Rai pur contro il parere dell’allora premier.image

Come detto, fino alle 19 passate, il dibattito (introdotto da un saluto dell’assessore comunale Falchetti Ballerani) è stato assolutamente interessante e tranquillo. La sala della Bct affollata. Tra i relatori, oltre a Baldassarre, l’onorevole Mazziotti di Celso (Scelta Civica, presidente Commissione Affari costituzionali e schierato per il Sì), il professor Luca Castelli, ordinario di Diritto Costituzionale all’Università di Perugia (anch’egli per il Sì) e lo stesso Vaira che con l’associazione nazionale dei giovani avvocati, si è schierato per il Sì. Il dibattito, fino alla fumantina uscita di scena di Baldassarre, era stato condotto con un botta e risposta di grande interesse tecnico sui vari aspetti della riforma costituzionale: Costituzionalità del referendum, bicameralismo perfetto, elezione del senato e modalità, problema della rappresentatività, Stato federale tedesco (modello) e stato unitario italiano, rapporti tra Stato e Regioni sulla potestà legislativa (legislazione concorrente), più poteri al governo, incastro con l’Italicum.

Tags:
Andrea Giuli
Andrea Giuli

Redattore

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere