CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Terni, da Cittadini Liberi proposte per la sanità: “Ospedale per la città grande e case della salute”

Politica

Terni, da Cittadini Liberi proposte per la sanità: “Ospedale per la città grande e case della salute”

Redazione
Condividi

TERNI -La sanità del futuro, pensando non solo alla città di Terni ma alla città grande, ai comuni limitrofi e due iniziative per spiegarla alla città. L’Associazione Cittadini Liberi ha presentato una serie di idee e progetti, nell’ambito della Fiera del Futuro sul tema della sanità: un volantino nel quale è spiegato dettagliatamente il progetto ed il modello di sanità pensato per il rilancio della città e un cartone animato sugli stessi temi, che in sei puntate si propone di avvicinare alla discussione il pubblico dei social ed in generale un pubblico più vasto rispetto a quello dei volantini, che comunque arriveranno in 10.000 copie in diverse zone della città.

Il cartone animato. Il protagonista è Valentino Della Conca, una giovane matricola ternana della Facoltà di Medicina. Insieme ai suoi colleghi di corso (in particolare la studentessa “fuori sede”, Giada) partecipa ad un seminario organizzato dalla tutor Marina Saltini che ha come oggetto la Sanità territoriale della Città Grande. Un viaggio virtuale tra passato e futuro per comprendere meglio le criticità e i progetti legati al mondo della salute nel corso della pandemia. Le puntate verranno caricate, con cadenza settimanale, sulla pagina You Tube dell’Associazione e rilanciate sui canali Social.

La proposta di sanità. “Nei prossimi mesi – è stato detto nel corso della presentazione – si giocherà una partita decisiva per l’utilizzo dei vari fondi europei dove, una fetta importante, riguarderà la riorganizzare un nuovo sistema sanitario, messo a dura prova dalla pandemia in corso, che ha fatto emergere carenze e necessità di trasformazione inderogabili. L’ospedale che guardi al di à dei confini cittadini e una serie di case della salute sono tra i punti caratterizzanti, ma bisogna pensarci adesso perchè ci sono i fondi per agire, anche grazie al Mes ed al Recovery Fund e perchè i tempi per la costruzione di una nuova struttura sono lunghi. Insieme a questo, una una rete di nuove strutture di quartiere per la salute e il welfare dedicata alle famiglie e alle fasce più deboli con una particolare attenzione ai nostri anziani; una Asl autonoma per il governo della sanità della ‘Città Grande”.

L’appello. Infine, l’annuncio: “Alla presentazione facciamo seguire un invito a sostenere il progetto, anche segnalando carenze o suggerendo integrazioni, sollecitando ad assumere posizioni pubbliche e inviando proposte aggiuntive, suggerimenti e critiche. La nostra Fabbrica delle Idee continuerà a lavorare per migliorare la proposta”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere