CARICAMENTO

Scrivi per cercare



Terni, da Carit oltre 5,8 milioni di euro investiti sul territorio nel 2018

Cronaca e Attualità Terni Extra EVIDENZA2

Terni, da Carit oltre 5,8 milioni di euro investiti sul territorio nel 2018

Redazione economia
Condividi

Un momento della conferenza stampa

TERNI- Oltre 5,8 milioni investiti sul territorio nel 2018, 200 milioni di patrimonio raggiunti e nuovi progetti innovativi per il 2019, in particolare nell’ambito dell’ istruzione, dell’ arte, dello sviluppo locale e dello sport: è il bilancio di fine anno della Fondazione Cassa di Risparmio di Terni e Narni, recentemente inserita dall’ Acri tra le fondazioni di medio-grande dimensione, tracciato stamani dal presidente dell’ente, Luigi Carlini. “Un anno – ha detto Carlini – in cui l’interazione con il territorio, istituzioni comprese, è stata ai massimi livelli, un anno in cui si sono raggiunti risultati più che lusinghieri e sono stati centrati tutti gli obiettivi prefissati dal Comitato di indirizzo”.

Progetti Tra i progetti finanziati, oltre un milione 800 mila euro è stato destinato al settore dell’arte, attività e beni culturali, circa un milione e 200 mila ciascuno al volontariato, filantropia e beneficenza e allo sviluppo locale, oltre 600 mila euro all’ educazione e istruzione, 594 mila alla salute pubblica e 264 mila alla ricerca scientifica e tecnologica.

Fontana Nell’ambito delle iniziative proprie la Fondazione ha inoltre stanziato ulteriori consistenti risorse per dare seguito al progetto approvato dalla Soprintendenza rispetto alla fontana di piazza Tacito, portando così a 830 mila euro la somma complessiva deliberata per l’ intervento. In merito al 2019, per il quale il Documento programmatico previsionale ha previsto un’ erogazione totale di 4 milioni di euro, oltre agli otto bandi previsti nei sei settori di intervento, sempre tra le iniziative proprie – insieme alla realizzazione di due mostre su arte moderna e contemporanea e un’ altra sugli artisti umbri tra ‘ 500 e ‘ 600 – la Fondazione auspica di intervenire per la realizzazione di un palazzetto dello sport.

Attività “Un’opera – ha spiegato Carlini – in cui possano essere incrementate le attività sportive del territorio al fine anche di creare spazi di aggregazione giovanile. Di questo ne abbiamo parlato con l’amministrazione comunale, ci mettiamo a disposizione qualora ci sia la necessità di dare un contributo economico nella realizzazione di un contenitore multiuso. Tutto il cda della Fondazione – ha concluso – condivide la volontà di dotare la città di un’ opera veramente importante”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere