CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Terni, Cosec rilancia sulle mense: “Si attestino irregolarità o pasto da casa”

Cronaca e Attualità Terni

Terni, Cosec rilancia sulle mense: “Si attestino irregolarità o pasto da casa”

Emanuele Lombardini
Condividi

Una seduta del consiglio comunale di Terni

TERNI – Agitato come uno ‘spauracchio’ tempo fa, mentre si lavorava alla realizzazione del bando per la refezione scolastica e stavano venendo a galla le questioni relative alla gestione dell’appalto per le mense scolastiche, ora ‘il pasto da casa’ rischia di diventare il nuovo terreno di battaglia sul fronte della refezione. Perchè dopo la decisione, con tanto di nota inviata pochi giorni fa agli Uffici Scolastici Regionali, del Ministero per l’Università e la Ricerca al diritto per le famiglie degli alunni di portarsi da casa il pranzo negli stessi locali destinati alla refezione scolastica, insieme ai compagni, il Cosec torna alla carica.

Il post Con un post pubblicato sul suo profilo facebook, il Comitato Servizi Educativi lancia un aut aut alla Giunta e alla dirigente del servizio Danila Virili:  “Il Comune di Terni è ad oggi beneficiario di una cauzione pari a 137.830 euro, da parte della ditta All Foods,quale garanzia degli obblighi contrattuali inerenti all’appalto relativo al servizio di mensa a gestione indiretta – scrivono –  Se la dirigente competente e la Giunta Comunale, prima dell’ipotesi di qualsiasi bando, non emetteranno un apposito atto in cui si attesti l’irregolare svolgimento del servizio e dunque la decurtazione di parte della stessa cauzione,come previsto dall’articolo 3 del bando attualmente vigente chiederemo che venga dato immediatamente seguito a quanto sancito dal Miur affinchè anche a Terni venga fatto valere il diritto del pasto da casa”. A quanto pare dunque, gli animi sono destinati a scaldarsi di nuovo.

Tags:
Emanuele Lombardini
Emanuele Lombardini

Giornalista, cittadino d'Europa

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere