CARICAMENTO

Scrivi per cercare



Terni, coppia di pakistani con un chilo di droga nel frullatore: in manette

EVIDENZA Cronaca e Attualità Extra

Terni, coppia di pakistani con un chilo di droga nel frullatore: in manette

Redazione
Condividi

La droga sequestrata
TERNI –  Due giovani pakistani arrestati con un chilo di eroina sequestrato. E’ il bilancio dell’ultima operazione della polizia di Stato a Terni. Sostanza destinata al mercato locale degli stupefacenti. In zona Borgo Bovio gli agenti hanno notato una giovane coppia di stranieri che ha immediatamente cambiato atteggiamento alla loro vista. Scattato il controllo, il nervosismo dei due è andato aumentando, tanto da fornire agli agenti spiegazioni contraddittorie in merito alla loro presenza in città. Dai primi accertamenti è risultato che lui, 25 anni, era titolare di un permesso di lunga durata, mentre lei era entrata in Italia a luglio con un visto per famiglia.

 

Controlli Durante il controllo gli agenti hanno trovato nella borsa della donna un mazzo di chiavi e poco è stata individuata, lì in zona, l’abitazione dei due. Nella sala di casa, oltre ad un bilancino di precisione, tre grossi recipienti, simili a frullatori, con all’interno residui di polvere biancastra, oggetti usati, verosimilmente, per la trasformazione, dalla forma solida in polvere, di grossi quantitativi di sostanza stupefacente. Dietro il frigorifero, nascosti in una busta di plastica, grossi frammenti di eroina per circa un chilo; in due borselli in camera da letto, 1.400 euro in banconote di vario taglio. I due, che risultano disoccupati, sono stati arrestati per detenzione ai fini di spaccio e nella direttissima di mercoledì mattina, il giudice del tribunale di Terni, Biancamaria Bertan, ha convalidato l’arresto e ha disposto per entrambi la reclusione in carcere fino alla data del processo, fissata per il 23 settembre prossimo. Dalle prime indagini è emerso che i ‘frullatori’, sono il risultato di un assemblaggio fatto da persone esperte proprio nella trasformazione degli stupefacenti ed inoltre i materiali usati non sono presenti sul mercato nazionale.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere