CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Terni, chiuso il cerchio sul ladrone seriale delle palestre: nuovo arresto in carcere

Cronaca e Attualità Terni

Terni, chiuso il cerchio sul ladrone seriale delle palestre: nuovo arresto in carcere

Andrea Giuli
Condividi

TERNI – Il ladrone seriale, amante dei parcheggi delle palestre per compiere la sua “opera”, è stato nuovamente oggetto di un mandato di arresto in carcere, dopo un’indagine congiunta e mirata di Carabinieri e polizia. Ad illustrare L Avicenna sono stati, in una conferenza stampa tenutasi venerdì mattina, il comandante del Norm dei carabinieri di Terni, Marcucci e il capo della Digos locale, Colurci.

Arresto precedente La Digos ternana lo aveva infatti già arrestato il 4 settembre scorso, quando insieme alla sua compagna, una 33enne reatina, erano stati fermati mentre tentavano di prelevare denaro ad un bancomat, con una carta appena rubata da un’auto parcheggiata nei pressi delle piscine dello stadio.

Indagine congiunta, modalità dei furti Sulla base di una indagine avviata nel maggio scorso e che ha chiuso il cerchio dopo gli ultimi tre furti perpetrati, il 43enne di origini campane (ma residente a Rieti) è stato ritenuto responsabile di altri furti compiuti in diverse località del centro cittadino – almeno una ventina solo a Terni -, in particolare parcheggi di palestre e strutture sportive, compiuti con le stesse modalità: approfittando dell’assenza dei padroni delle automobili parcheggiate nei pressi delle palestre, il soggetto spaccava i finestrini posteriori per arraffare borsoni e oggetti presenti nell’abitacolo, con particolare cura per la ricerca dei bancomat. Modalità ripetute per portare a termine “colpi” non solo a Terni, ma anche a Napoli, Minturno, Pescara, Latina, Spoleto.

Nuova ordinanza di arresto L’uomo è stato raggiunto, appunto giovedì, dall’ordinanza di applicazione della misura cautelare in carcere, disposta dal giudice del tribunale di Terni, Simona Tordelli, su richiesta della pm Coraggio.
Nella motivazione, il giudice ha evidenziato “una personalità dedita al compimento seriale di reati contro il patrimonio tanto che neppure l’adozione di pregresse misure restrittive a suo carico ha rappresentato un efficace deterrente.

Recidivo Infatti, il 43enne (anche consumatore abituale di stupefacenti) era stato scarcerato nel 2016 per aver espiato una pena definitiva, ma da allora era stato denunciato più volte, per essere di nuovo arrestato a Napoli ad aprile di quest’anno, prima dell’arresto da parte della polizia ternana nel settembre scorso, quando la compagna è stata consegnata agli arresti domiciliari. L’uomo è nel carcere ternano di Sabbione.

Tags:
Andrea Giuli
Andrea Giuli

Redattore

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere