CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Terni, centri sociali Marmore e Matteotti a rischio abbandono: “Intervenire”

Cronaca e Attualità Terni Extra

Terni, centri sociali Marmore e Matteotti a rischio abbandono: “Intervenire”

Redazione
Condividi

TERNI–  Futuro incerto per due strutture aggregative della città, il centro sociale Matteotti e quello di Marmore. Rimasti entrambi senza la possibilità di partecipare al bando, adesso è concreto il rischio che restino inassegnati e quindi di cadere in abbandono.

Di loro si è interessato il capogruppo Pd in Consiglio Comunale Francesco Filipponi,  in una interrogazione. Il centro sociale Marmore non ha avuto la possibilità di partecipare al bando visti i requisiti economici richiesti, insostenibili da gestire per i volontari, mentre il Matteotti ha ancora pendenze aperte col comune.

Soluzione “Considerato che  il centro sociale Marmore al momento organizza le proprie attività attraverso l’uso occasionale di strutture private – scrive Filipponi- e che  centro sociale Matteotti si è visto respingere un ricorso ulteriore ai fini dell’affidamento, pur avendo in parte saldato la pendenza. Il 31 agosto dovrà al momento lasciare gli spazi concessi in virtù della vecchia convenzione. Considerato che e entrambe le associazioni vantano crediti nei confronti del comune per i contributi destinati dalla Regione Umbria alle attività per anziani in parte ancora inevasi, e che in particolare il Matteotti deve ricevere (per diverse annualità pregresse) quanto previsto da un secondo contratto collegato per la manutenzione per i giardini di via Irma Bandiera; che sarebbe opportuno visto ciò che rappresentano le due realtà ed i quartieri di riferimento, addivenire ad una soluzione, promuovendo in tempi rapidi un nuovo bando, chiedo di verificare la possibilità di pubblicazione di un nuovo bando o di ricercare le soluzioni più idonee al fine di non privare gli associati dei due centri sociali di Marmore e del Matteotti di due importanti realtà che operano in spazi pubblici, nell’ambito di quartieri popolosi”.