CARICAMENTO

Scrivi per cercare



Terni, caos sugli avvisi Tari: importi e date sbagliate. Il Comune: “Ecco come fare”

Cronaca e Attualità Terni

Terni, caos sugli avvisi Tari: importi e date sbagliate. Il Comune: “Ecco come fare”

Redazione
Condividi
Un modulo per il pagamento della Tari
Un modulo per il pagamento della Tari

TERNI – Caos a Terni per l’accertamento sulla Tari. Non solo infatti, gli uffici postali di via Bramante e quelli dell’Asm sono stati presi d’assalto con lunghe code ma le proteste sono arrivate perchè molti cittadini hanno ricevuto una cartella di riscossione completamente sbagliata. C’è chi si è visto recapitare l’importo sbagliato, chi la richiesta di un pagamento a nome non suo, e chi addirittura soldi Tari del 2014 per una abitazione acquistata più avanti. Il Comune è dovuto intervenire con una nota:

La nota “Sulla questione degli avvisi Tari del 2014 notificati, il Comune di Terni, tramite l’Assessorato ai servizi finanziari, fornisce alcune informazioni utili ai cittadini e una precisazione. L’amministrazione comunale ricorda che l’affidamento dei servizi di accertamento e riscossione della Tari è stato gestito direttamente dall’OSL (Organismo Straordinario di Liquidazione) con proprie delibere (numero 19, 252 e 258 del 2019), che ne ha la competenza a seguito della dichiarazione di dissesto del Comune intervenuta nel marzo del 2018”.

Società Il Comune spiega che “la società privata incaricata del servizio, si ribadisce dall’Osl, è la società Kibernetes srl  che nel contempo svolge attività di supporto a favore dell’Ufficio Tributi in relazione ai recapiti Tari anno d’imposta 2014. Alla stessa società è stata affidata anche la gestione dei rapporti con il pubblico per tutto quanto riguarda le istanze di autotutela. A tal fine e allo scopo di semplificare gli adempimenti dei contribuenti e rendere più agevole la gestione delle istanze pervenute, si informa che è stato istituito un apposito sportello nella sede Asm, sita in Strada di Maratta Bassa. Inoltre, la società Kibernetes ha attivato un numero verde accessibile da rete fissa 800 085 899 e un numero di cellulare 342 9986880 (accessibile anche da mobile) che potranno essere contattati dalle ore 9,00 alle ore 12,00 e dalle ore 15,00 alle ore 17.00, nei giorni dal lunedì al venerdì esclusi festivi”.

Informazioni Il Comune, infine, “consiglia ai cittadini che intendano chiedere informazioni o comunicare inesattezze, di inviare una mail al seguente indirizzo: avvisi.tari2014.comune.terni@gmail.com. E’ possibile allegare all’email i documenti a supporto della propria richiesta, oltre ad un proprio recapito telefonico. Ciò consentirà agli operatori della società Kibernetes di rispondere entro breve tempo. Si ricorda comunque che il termine di pagamento degli avvisi è di sessanta giorni dalla data di notificazione. Lo Sportello del Cittadino del Comune di Terni, in via Roma 36 (telefono 0744.432201) e l’ufficio tributi del Comune di Terni, restano a disposizione dei cittadini, per informazioni generali e per orientamento.Occorre infine ricordare – pur nel comprensibile disagio di qualcuno che potrebbe aver ricevuto avvisi errati – che il Comune, così come peraltro imposto dalla normativa, ha attivato ogni utile azione diretta a recuperare sacche di evasione e di elusione a tutela della città e della grande maggioranza dei cittadini che hanno pagato correttamente”. Basterà questo per mettere fine al disguido? Lo si capirà nei prossimi giorni.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere