CARICAMENTO

Scrivi per cercare



Terni, buone notizie per il centro remiero di Piediluco: accordo per le gare internazionali

Calcio Terni Sport

Terni, buone notizie per il centro remiero di Piediluco: accordo per le gare internazionali

Redazione sportiva
Condividi

TERNI – L’Assessore regionale alle infrastrutture, trasporti, opere pubbliche, urbanistica, Enrico Melasecche, su delega della Presidente Tesei, ha firmato l’Accordo di Programma fra Regione Umbria e comune di Terni, dando formalmente avvio alla relativa procedura al fine di realizzare il potenziamento del Centro Nautico di Piediluco, Paolo D’Aloja, centro  federale di canottaggio, grazie ai  canoni idrici che la Regione introita per la concessione in uso dei bacini idroelettrici su cui la giunta sta rivedendo la normativa di settore per adeguarla a quella europea e nazionale.

E’ stato pertanto ripreso, con la conferenza servizi in Regione dell’8 gennaio 2020, un percorso che, dopo l’iniziale firma del Protocollo di Intesa di fine maggio 2019, aveva incontrato numerosi ostacoli, determinandone oggi la spinta e lo stimolo decisivi. L’adeguamento della struttura remiera alle norme internazionali costituisce un passo fondamentale per lo sviluppo sportivo e turistico del ternano, in un’area dall’enorme potenziale paesaggistico. La ripresa economica passa anche per l’esecuzione di un’opera come questa, la quale, nel rispetto dei vincoli presenti, propone comunque attività profondamente attente all’ambiente che le ospita, tra cui quella turistica e quella sportiva, compatibili se esercitati in maniera adeguata.

Del resto sarebbe del tutto inopportuno, a maggior ragione in un momento di crisi, non utilizzare risorse come quella di Piediluco: definito più bello di un angolo del lago Maggiore, e poggiato su un territorio dal clima mite e in un contesto di centri storici e montagne, che rendono la superficie dell’acqua stabile, affascinante e particolarmente adatta in tutti i periodi dell’anno a manifestazioni sportive come quella del canottaggio. Dal Lago di Piediluco si genera la Cascata delle Marmore, nei tre salti la più alta d’Europa, con  attiva la filiera della produzione idroelettrica nella monumentale Centrale di Galleto che ha portato l’Umbria a ricoprire in Italia un posto di riguardo, favorendo dal secolo scorso l’industria a cominciare da quella siderurgica.

L’attivazione del progetto di riqualificazione sportiva costituisce un ulteriore passo per ricollegare bellezze paesaggistiche, ambientali, naturalistiche, storiche e tecnologiche, che possono contribuire notevolmente alla valorizzazione del marchio Umbria ed incrementare ulteriormente la già forte attrattività della Cascata che potrà, con i progetti in corso, vedere ampliare il Parco naturalistico includendo anche il superiore Lago di Piediluco, finora rimasto immeritatamente un po’ in disparte dai flussi turistici e non conosciuto da parte degli stessi umbri.

Finalmente, dopo un proficuo confronto fra le esperienza del comune di Terni e la Regione in materia di “accordi di programma”, si dà avvio a questo Accordo ai sensi dell’art. 34 del TUEL, che sarà a breve corredato dal progetto definitivo, validato e comprensivo di tutti i pareri obbligatori. La Regione, con la nomina del RUP e del gruppo di lavoro ha ripreso in mano la situazione. Entro la fine di marzo c’è l’impegno da parte della Federazione Canottaggio di indicare i progettisti i quali, in collaborazione con la Stazione appaltante, individuata nel Servizio opere pubbliche della Regione Umbria produrranno il progetto definitivo e poi l’esecutivo. Definite le non poche criticità in via di superamento è stato fissato il cronoprogramma che prevede l’apertura del cantiere entro il 2020, a distanza di vari anni da quando questo obiettivo avrebbe dovuto essere conseguito.

Seguirà successivamente l’approvazione da parte del consiglio comunale di Terni e la firma del Sindaco per concludere la fase amministrativa mentre procede in contemporanea quella tecnico-autorizzativa.