CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Terni, ‘birre’ per parlare di droga: stroncato maxi giro di spaccio da 2000 euro al giorno

EVIDENZA Terni

Terni, ‘birre’ per parlare di droga: stroncato maxi giro di spaccio da 2000 euro al giorno

Redazione
Condividi
Il procuratore Liguori
Il procuratore Liguori

TERNI -Manette per nove persone, quattro italiani e cinque nordafricani, su ordine del gip Simona Tordelli, nell’ambito della operazione Mastro Birraio, un nuovo giro di vite al traffico e detenzione si sostanze stupefacenti, da parte dei Carabinieri di Terni. Dopo la vicenda dei due adolescenti ternani, è stata intensificata questa azione, supportata anche dalla firma avvenuta stamattina in Questura, del protocollo sulla sicurezza della movida ‘DivertiAMOci”.

L’operazione. “Mastro birraio”, diretta e coordinata dalla Procura della Repubblica di Terni – dal Procuratore della Repubblica Alberto Liguori e dal sostituto Mathias Viggiano – ha portato all’emissione, da parte del GIP del Tribunale di Terni è stata condotta dai militari del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale Carabinieri di Terni, coadiuvati da quelli delle Compagnie di Terni, Amelia ed Orvieto e con il supporto di unità antidroga del Nucleo Carabinieri Cinofili di Roma. La banda finita dagli arresti era composta da cinque italiani, e sette fra tuninisini e marocchini ed operava sul territorio cittadino, spacciando principalmente eronica e cocaina: a 6 di loro è stata applicata la misura della custodia cautelare in carcere, 3 sono invece ai domiciliari.Indagati a piede libero, un togolese, un sudanese e un ternano.

Cifre. Un movimento imponente, circa 2000 euro al giorno, con un giro che si allargava anche ad Abruzzo, Lazio e Toscana, ha riferito Liguori parlando dell’indagine, scattata nel settembre 2019, da un sequestro di cocaina trovata nell’auto di un uomo all’altezza di Orte. Da lì è partita la ricostruzione della rete pluriregionale. Gli spacciatori parlavano fra di loro, come è emerso dalle indagini, di boccali e bottiglie di birra, parlando ovviamente di dosi. Da qui il nome dell’indagine dei Carabinieri.

Sono state riscontrate 250 cessioni al dettaglio di eroina, cocaina e hashish e sono state sequestrati 400 grammi di hashish,, 4 grammi di cocaina e 0,5 grammi di eroina da due persone arrestate in flagranza di reato.

 

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere