CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Terni, bagarre in consiglio comunale sul nido Cucciolo: salta il numero legale

Politica Extra EVIDENZA2

Terni, bagarre in consiglio comunale sul nido Cucciolo: salta il numero legale

Redazione politica
Condividi

L'aula del consiglio comunale

TERNI – Nuovamente a vuoto il Consiglio Comunale, seduta sciolta per mancanza del numero legale, di nuovo. Ma stavolta non è la maggioranza a farlo mancare, ma due consiglieri del Gruppo Misto (Brizi e D’Acunzo) ai quali si aggiungono le assenze di due leghiste, Giulia Silvani e Anna Maria Leonelli. Assente anche il sindaco Latini. Solo 16 i consiglieri presenti.

Dopo la seduta fiume per l’approvazione del regolamento sulle partecipate, la maggioranza è caduta  in occasione della discussione sull’atto di indirizzo dedicato alla proposta di riapertura dell’asilo nido Cucciolo.

Il caos è stato generato da una affermazione del capogruppo di FdI Orlando Masselli: “Come al solito – ha detto rispondendo a Tiziana De Angelis del Pd – c’è strumentalizzazione. L’opposizione finge di essere interessata: giovedì l’assessore stava rispondendo sul tema e voi avete fatto mancare il numero legale”. Apriti cielo, è scoppiata la bagarre. Paolo Angeletti di Terni Immagina accende la miccia: “Non mi piace fare questi giochetti ma la maggioranza per il governo della città lo dovete garantire voi”, ha detto prima di togliere il badge e alzarsi dallo scranno. Seguito a ruota da tutti i consiglieri di minoranza.

Le reazioni.  “A distanza di soli tre mesi- dice Valdimiro Orsini del Pd-  la maggioranza che governa il comune di Terni va politicamente in frantumi, non riesce nemmeno a a garantire il numero legale. Peraltro non è la prima volta che avviene, ci troviamo di fronte a una compagine politica frammentata, divisa, che ha già visto la nascita di un gruppo misto, composto da due consiglieri che evidentemente non se la sentono più di far parte del partito di origine. Appena ieri la maggioranza ha mostrato i muscoli stravolgendo i lavori del consiglio comunale con atti ideologici, dettati dalle direttive nazionali della Lega, mentre oggi davanti ai veri problemi della città non è in grado di portare in aula 21 consiglieri eletti nelle proprie liste”.

Centrodestra Quanto accaduto questo pomeriggio – dichiarano invece i capigruppo del centrodestra –   la mancanza del numero legale è da addebitarsi esclusivamente alla minoranza, in quanto le assenze che si sono avute nella maggioranza sono dovute esclusivamente a impegni istituzionali, come nel caso del sindaco, o ad inderogabili impegni lavorativi da tempo comunicati alla presidenza del Consiglio.
Ricordiamo che il consiglio comunale è composto da 33 elementi, chi era presente in aula, e poi  ha fatto mancare il numero legale, come ha fatto la minoranza,  lo ha fatto quindi deliberatamente.  Si tratta di giochi politici non attinenti agli interessi della città che dovrebbero stare a cuore all’intero consiglio comunale. E’ bene sottolineare che i lavori del consiglio comunale si erano aperti con la decisione collaborativa della  maggioranza che  ha ritenuto,  con senso di responsabilità , discutere gli atti che la minoranza ha proposto da tempo a questo consiglio. Rimane strano che molti gruppi presentatori degli atti abbiano preferito abbandonare l’aula non considerando quindi fondamentali i propri atti. Evidentemente li hanno ritenuti superflui e non utili al governo della città Ci auguriamo che prossimamente tutti i gruppi consigliari portino in consiglio atti che ritengano realmente importanti e non strumentali”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere