CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Terni, archiviazione di un procedimento penale per la direttrice del Consorzio Tevere-Nera

Cronaca e Attualità

Terni, archiviazione di un procedimento penale per la direttrice del Consorzio Tevere-Nera

Andrea Giuli
Condividi

TERNI – Guerriglia intestina all’interno del Consorzio di bonifica Tevere-Nera. Malesseri variegati che si perpetuano già da qualche tempo, anche tra vari uffici apicali dell’ente consortile.

Nelle ore scorse, in tal senso, è trapelata la notizia che la direttrice del Consorzio, Carla Pagliari, ha visto archiviare il procedimento penale che nei mesi scorsi era stato intentato contro di lei da un dipendente dell’ente, con le accuse di omissione di atti d’ufficio. Indagine che era stata aperta anche nei confronti di altri componenti del Consorzio.

L’iniziativa legale si deve ad un dipendente (che invece risulta ancora sotto inchiesta, dopo una denuncia della stessa direttrice indirizzata al dipendente, reo – secondo i vertici consortili – di ‘infedeltà’ lavorativa) che aveva a suo tempo presentato due atti, in momenti diversi e distinti: un primo ricorso inoltrato al giudice del lavoro di Terni contro il Consorzio Tevere Nera e la direttrice Pagliari per mobbing; un secondo atto, come denuncia-querela presentata alla Procura della Repubblica nei confronti della stesa direttrice ed altri dipendenti consortili per omissione di atti d’ufficio ed abuso d’ufficio. Ebbene, con sentenza numero 2016/00/2176 del 25/07/2016 è stata disposta l’archiviazione degli atti relativi alla denuncia-querela per omissione ed abuso di atti d’ufficio, mentre, da quel che risulta, resta tuttora in piedi il procedimento contro la direttrice presso il giudice del lavoro, visto che la prima udienza della causa per mobbing, fissata il 27 ottobre scorso, è stata rinviata al prossimo mese di gennaio.

La vicenda complessiva di cui sopra aveva destato nei mesi scorsi feroci polemiche e scontri (a carte bollate) all’interno del Consorzio stesso. Le iniziative legali del dipendente in questione erano state pubblicamente, e con forza, sostenute dal membro del cda, Leo Venturi.

 

Andrea Giuli
Andrea Giuli

Redattore

  • 1