CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Terni, allarme immondizia nelle strade, in cinque arrivo fototrappole

Cronaca e Attualità Terni

Terni, allarme immondizia nelle strade, in cinque arrivo fototrappole

Redazione
Condividi

TERNI -La situazione dell’ìmmondizia scaricata nelle strade dall’inciviltà della gente comincia ad assumere contorni intollerabili. Solo l’altro giorno lanotiziaquotidiana aveva documentato l’ennesimo monticello di rifiuti in zona Cesure, a soli sette giorni dall’eliminazione del precedente. Lo scorso 15 maggio, dopo un sopralluogo di polizia locale ed Asm, sono stati rimossi i rfiuti abbandonati in piazzale Bosco con sanificazione dell’area e grazie alle telecamere sono anche stati identificati e sanzionati i responsabili.

L’assessore alla polizia locale del comune di Terni Giovanna Scarcia annuncia che nei prossimi giorni saranno installate cinque fototrappole in altrettante zone ritenute sensibili in base agli esposti pervenute ed alle indagini fatte.

Sanzioni “Quei cittadini che, privi del benché minimo senso civico, sono soliti utilizzare angoli di città come discarica, si ritengano avvisati per l’ultima volta. L’Amministrazione non tollererà oltre inciviltà e maleducazione e metterà in campo tutte le risorse a sua disposizione per contrastare qualunque comportamento irrispettoso che alimenti, ancora, una pericolosa spirale di degrado urbano”, sottolinea  Scarcia.  “L’obiettivo è prevenire ogni azione di abbandono e smaltimento illegale sul territorio di rifiuti e, quindi, sanzionare duramente. Le fototrappole – precisa l’assessore – sono strumenti di videosorveglianza che permettono di identificare le persone intente ad abbandonare rifiuti e/o materiale non autorizzato, per accertare infrazioni amministrative oltreché eventuali violazioni penali, di concerto con le forze dell’ordine, con cui la Polizia Locale collabora quotidianamente su ogni fronte. Il controllo con fototrappole interesserà l’intero territorio comunale: il centro, le periferie, la zona industriale, le frazioni. Si inizia con il monitoraggio ed il controllo di quattro siti, zone considerate ad alto rischio. Successivamente e periodicamente, con puntuale programmazione, verranno attenzionate anche ulteriori aree. La ricognizione dei luoghi a rischio, ritenuti sensibili, sarà costante ed in continuo aggiornamento, sia a fronte di segnalazioni dei cittadini, sia come frutto di indagini interne”.

I dati. Infine, ecco alcuni dati forniti dall’ufficio Vigilanza Ambientale: nel corso dell’anno 2019 l’ufficio ha redatto 215 verbali per violazione del Regolamento Comunale sullo smaltimento dei rifiuti; 37 sono state le sanzioni elevate nei primissimi mesi dell’anno 2020.