CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Terni, allarme diossina in zona Fiori, De Luca: “Comune immobile”

Cronaca e Attualità Terni

Terni, allarme diossina in zona Fiori, De Luca: “Comune immobile”

Emanuele Lombardini
Condividi

Thomas De Luca

TERNI – Si riaccende l’allarme diossina a Terni. A lanciare il segnale è l’Arpa, che nelle sue analisi svolte nell’ambito della bonifica dell’area della ex discarica in zona Fiori 1-2 ha rilevato valori di diossina 38 volte sopra al limite di legge nella parte superficiale del suolo, il cosiddetto topsoil.

I dati sono stati comunicati al comune, alla Regione e alla Asl 2 Umbria lo scorso 17 ottobre e il Movimento 5 Stelle torna alla carica col consigliere Thomas De Luca: ” Da quel giorno- scrive in una nota l’esponente pentastellato –  è passato quasi un mese e nessuna azione a noi nota è stata messa in campo dalle autorità preposte. Silenzio assoluto. Come più volte denunciato anche dalla stampa nell’area e come visibile anche da Google maps sono stati presenti orti e attività di persone estranee all’area inoltre vi sono numerosi punti di accesso”. De Luca fa poi riferimento ad una delibera del consiglio che in una adunanza straordinaria, il 5 ottobre 2015  aveva impegnato il sindaco ad agire con gli atti di competenza anche sull’area in oggetto.

“Questo è un nuovo tassello- dice De Luca –  che si inserisce all’interno del quadro del disastro ambientale della città. Cromo esavalente in aria, diossina e pcb nelle uova, tetracloroetilene nell’acqua, continui riscontri analitici che evidenziano la presenza di una contaminazione diffusa e che interessa tutte le matrici ambientali. Ogni volta le Istituzioni lanciano la palla più lontano sostenendo la necessità di ulteriori analisi, di ulteriori monitoraggi, di ulteriori tavoli e strumenti straordinari ma delle azioni concrete volte al risanamento ambientale della città non c’è notizia. La città chiede rispetto e pretende di essere ascoltata. Lo dimostra l’ultima petizione online promossa da anonimi cittadini che ha raccolto quasi 3000 firme in pochissime ore. Una petizione che il M5S non lascerà inascoltata, portandola direttamente in consiglio comunale. Nelle prossime ore depositeremo una proposta di delibera alla Giunta che obbligherà inequivocabilmente il Sindaco ad intervenire sulla questione con misure immediate e concrete”.

Tags:
Emanuele Lombardini
Emanuele Lombardini

Giornalista, cittadino d'Europa

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere