CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Terni, adesso sposarsi alla cascata delle Marmore diventa proibitivo

Cronaca e Attualità Terni Politica

Terni, adesso sposarsi alla cascata delle Marmore diventa proibitivo

Andrea Giuli
Condividi

Turisti alla cascata delle Marmore

TERNI – Se si trova un volo economico, sarà forse più conveniente andare a sposarsi a Las Vegas, almeno per coloro che non si dovessero accontentare della tradizionale chiesa parrocchiale.

Eh sì, perché con le nuove tariffe dei servizi a domanda individuale da applicare per il 2017 (nel contesto del bilancio di previsione del Comune che sarà discusso in consiglio poco prima di metà aprile), per sposarsi nello scenario della cascata delle Marmore occorrerà in pratica accendere un mutuo: tariffa base di 1.000 euro per un’ora e per massimo 50 invitati. Il prezzo sale del 40% nel caso venga richiesta l’apertura straordinaria della Cascata o lo sfasamento dell’orario ordinario; del 20 % nel caso in cui gli invitati siano superiori a 50 persone e del 10% nel caso in cui venga richiesta una data indicata tra quelle non possibili nel disciplinare o sia necessario il supporto di personale per la movimentazione per attività logistica. Certo, la location è inedita e bellissima. E i servizi si pagano. Ma qui, il rischio è che a sposarsi davanti allo ‘zampillo’ più alto d’Europa arrivino solo in pochi. E in Lamborghini.

L’ALLEGATO DI GIUNTA CON LA TARIFFA MATRIMONI 2017

La tariffa nel 2016 era esattamente la metà, 500 euro. L’aumento in questione è stato deciso venerdì mattina in giunta comunale ed arriverà presto in consiglio. Sempre che – come accaduto nelle ore scorse con l’introduzione del biglietto a pagamento per la Cascata a carico dei ternani, decisione poi ritirata in fretta e furia a seguito di polemiche – la stessa Giunta non abbia un ripensamento anche su questo, ritirando e rettificando (come nel caso suddetto) la relativa delibera.

Tags:
Andrea Giuli
Andrea Giuli

Redattore

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere