CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Ternana verso il Sudtirol, Gallo: “Abbiamo più motivazioni, dobbiamo vincere”

Calcio Terni Sport

Ternana verso il Sudtirol, Gallo: “Abbiamo più motivazioni, dobbiamo vincere”

Redazione sportiva
Condividi

TERNI – Domani alle 16.30 la Ternana in campo al Liberati contro il Sudtirol. Il tecnico Fabio Gallo, in conferenza stampa è più ermetico del solito: “Non ho ancora deciso la formazione, sceglierò in base alle caratteristiche degli avversari, ma mi prendo tutto il tempo possibile. C’è da rimpiazzare Defendi: Castiglia potrebbe essere una soluzione, dipenderà anche dagli altri due che sceglierò per completare il centrocampo. Paghera sta molto bene. Ma anche per questo reparto mi riservo le scelte per le prossime ore. Ho provato più soluzioni, con risultati alterni”.

Una gara per volta Non pensa al rush finale, Gallo: “L’obiettivo è sempre vincere, la mia comunicazione è quella, cerco di non dare troppo peso alle cose ma mi concentro sul momento. Non è una cosa semplice ovviamente. Cerco di rimanere sempre sulla partita e non su quello che potrebbe essere la settimana prossima. Il Sudtirol? E’ una squadra che sta bene, organizzata. Per due stagioni di seguito ha lo stesso allenatore e non è cosa da poco. Loro hanno raggiunto l’obiettivo, certo vogliono migliorarsi. Noi non lo abbiamo ancora raggiunto e quindi dobbiamo essere più motivati di loro. La motivazione non può essere inadatta alla situazione”. Una partita da vincere: “Già nel tunnel, devi entrare in campo con la giusta motivazione”.

Campo di allenamento. Gallo ha confermato che la squadra proseguirà ad allenarsi allo stadio: “Abbiamo deciso di allenarci in orari più vicini alla partita e quindi spesso saremo qui allo stadio perchè Campitello, che è un campo molto bello, non è disponibile di pomeriggio. Poi qui abbiamo tutto quello che ci serve”.

Rigoristi.Esiste una lista, poi lo tira chi se la sente, decidono loro in base alla situazione. Marilungo e Vantaggiato ne hanno sbagliati, anche Castiglia li calcia bene e Russo li ha sempre tirati”, spiega il tecnico

A segno. “Andiamo poco a segno, questo è il mio rammarico. Perchè questa squadra ha una identità e io ne sono contento. La squadra ha raggiunto una sua identità, una certa compattezza, mi preoccupa non fare gol. Il rammarico più grosso è quello di non essere mai riusciti ad andare in vantaggio, gestire e tentare il raddoppio e il terzo gol per chiudere la partita. Invece abbiamo sempre dovuto ragionare sul tentativo di recuperare”.

Un mese. La Ternana si gioca tutto in un mese: “Certamente è un mese chiave per tutti, anche per me, ma non è questo il tempo  parlare del mio futuro, io penso solo a lavorare, sono partite da giocare dove va raggiunto un obiettivo, poi il campo ci dirà quale, ma uno va raggiunto per forza. Poi sulla mia persona ci sono delle persone che prenderanno le dovute decisioni.