CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Ternana verso il Potenza, Lucarelli: “Vincere per dare un segnale importante”

Calcio Sport

Ternana verso il Potenza, Lucarelli: “Vincere per dare un segnale importante”

Redazione sportiva
Condividi

TERNI– Tutto pronto per l’anticipo della quinta di campionato nel girone C di serie C con la Ternana di Cristiano Lucarelli che è impegnata in  casa contro il Potenza. Saranno 1000 gli spettatori presenti allo stadio, per effetto delle normative Covid. Conferenza stampa del tecnico in sala ospitalità.

Si riparte dalla gara di Avellino contro la Casertana: “Sono molto arrabbiato per il primo tempo contro la Casertana, non per aver preso gol all’ultimo minuto, perchè solo chi non ha giocato a calcio sa che può succedere. La Ternana che voglio vedere è quella dei primi cinque minuti della ripresa. Il primo tempo serve per orientare la partita, per questo non mi è piaciuto. Dite che sia solo incolore? No, per me è insufficiente, sono incontentabile. Il problema delle partite ravvicinate non è il recupero fisico, ma mentale. Ho giocato in Spagna ed Ucraina, facendo la Champions e qui c’è una pressione che altrove non c’era. Bisogna recuperare la bava alla bocca, ed è difficile. Per il tipo di campionato che facciamo, dobbiamo essere indemoniati, se vogliamo arrivare alto. Pensate a Chiellini, Gattuso o anche io stesso quando giocavo. I giocatori devono essere trasparenti con me e chi non ha grinta è giusto che lo dica”

La situazione rossoverde. “Non guardo la classifica – dice –  Se il Bari fa tre gol a partita è giusto che vinca il campionato. Noi dobbiamo fare il nostro percorso e togliere di mezzo le scorie degli ultimi tre campionati, che ancora ci sono e di cui sento che si parla ancora. Devo portare positività, dobbiamo pensare soltanto a noi stessi. Cominciamo a costruire noi stessi, la nostra mentalità: io non mi accontento della reazione del secondo tempo, anche se quello è lo spirito che vorrei sempre vedere”.

Sul Potenza.  “Mi aspetto un buon Potenza, il tecnico è bravo, fanno lo stesso modulo nostro, la squadra è molto rinnovata, che secondo me gioca bene: a Foggia ha perso ma ha preso un gol in fuorigioco. Somma pratica un calcio simile al nostro, ha delle idee interessanti, gioca bene sugli esterni ed un trequartista come Ricci molto pericoloso che si inserisce. Fornisce molti spunti tattici. Sandri è un 2001 di talento, Viteritti mette in area di rigore cross pericolosi. Domani è una giornata da allarme rosso, allarme 4 come dico io, sarà una battaglia, di quelle che se le vinci dai un segnale importante. Somma per questa categoria è un’eccellenza”.

Le ultime Assente Diakitè che ne avrà per 40 giorni, oltre a Celli. “Stiamo valutando il trauma contusivo di Peralt – dice – che ha lavorato a scartamento ridotto e lo stiamo valutando,, Suagher è rientrato negli ultimi due giorni, Defendi recupera. Ma sarà il campo – se sarà pesante o meno – a determinare le scelte.Frascatore è pronto, gli manca solo il ritmo partita, si è allenato con noi dopo averlo fatto da solo alla fine dei playoff. Vediamo se potrà giocare, forse potrebbe essere anche l’occasione per far rifiatare un po’ qualche vecchietto in vista del turno infrasettimanale. Paghera, Salzano e Ferrante tornano dall’infortunio, ora vanno gestiti”.

I tifosi. Infine, un pensiero sul ritorno dei tifosi allo stadio: “Penso che in uno stadio come il Liberati c’è meno possibilità di essere contagiati piuttosto che al bar, al ristorante o a scuola e che 1000 persone qui hanno un peso diverso che altrove, anche per la grandezza dello stadio. Lo stadio può essere uno sfogo, una spensieratezza da questi momenti grigi: si sta tutti distanziati, con tutte le precauzioni del caso, ma secondo me è giusto”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere