lunedì 6 Dicembre 2021 - 06:27
14.4 C
Rome
- Pubblicità -spot_img

Ternana verso il Bari, Carbone: “Fondamentale vincere. Sì a una amichevole col Grifo”

Domani i rossoverdi di nuovo in campo per il turno infrasettimanale, il tecnico è alle prese con i problemi fisici di molti elementi e progetta un turn over. La testa è ancora alla tragedia del Curi: "Difficile sgombrare la mente, ma è necessario. Disponibili alla gara per ricordare il tifoso"

TERNI – Il turn over si staglia all’orizzonte per la gara di domani sera al Liberati contro il Bari. Benito Carbone, tecnico della Ternana, ha dichiarato al suo arrivo l'”allergia” per i tanti cambiamenti (“Mai più di tre”), ma la situazione dopo sei partite in 25 giorni fra le quali un derby dispendioso dal punto di vista atletico e mentale vede almeno cinque elementi (Falletti, Avenatti, Germoni, Bacinovic, Defendi) molto stanchi e un altro (Di Noia) alle prese con notevoli problemi (“Non l’abbiamo detto, ma ha fatto due partite con una lussazione”, ha spiegato il tecnico) e quindi tutto in alto mare sul fronte formazione. Assenti sicuri perchè ancora infortunati Coppola, Della Giovanna e Dugandzic, che ieri si è allenato per la prima volta.

Torna sul derby ed elogia i giocatori. “Sono fiero di come hanno affrontato la partita- spiega – io volevo vincerla, abbiamo un po’ sofferto perchè il Perugia ha spinto tanto a centrocampo, abbiamo pagato l’inferiorità numerica a centrocampo,  ma il segnale è stato sempre quello di  fare male, e credo che quello lo abbiamo dimostrato”.

Per carità, non che deroghi al fatto di non dire nulla su uomini e schemi (“Adesso va di moda dare la formazione, ma io sono vecchio stampo, scherza), ma il messaggio è chiaro: “Voglio vincere questa partita, per noi è troppo importante in questo periodo – spiega- per cui è fondamentale che giochi chi sta meglio, non posso permettermi di arrivare alla fine ed essere costretto a dire che ci accontentiamo di aver preso un punto”.

Di certo c’è che la partita arriva come l’occasione buona per mettersi alle spalle il sabato tremendo con la morte del tifoso perugino sugli spalti: “Quello che è avvenuto ci ha segnato molto – dice Carbone – ed è stato difficile liberare la mente, ma ora dobbiamo  assolutamente concentrarci sulla partita col Bari. Certo, siamo stanchi, forse un giorno di riposo in più non avrebbe fatto male”. Il tecnico si dice poi disponibile a giocare l’eventuale amichevole a scopo benefico col Perugia proposta da un tifoso perugino e raccolta da Webradiofere: “Quello che ho visto accadere nelle due curve sabato mi fa capire che è una cosa possibile, noi siamo disponibili”.

Sul Bari: “E’una squadra forte, ben messa in campo, che prende pochi gol – dice – quindi dobbiamo affrontarla nel modo giusto. Attenzione, che ha fatto 4 dei 7 punti fuori casa ed è una squadra che gioca bene in contropiede. Però noi abbiamo il dovere di vincere, per fare un salto avanti importante in classifica. E se per farlo occorre sacrificarsi un po’ di più, dobbiamo farlo”. Già, il Bari. Fu proprio contro i Galletti che debuttò da tecnico in B contro il Varese: “E anche allora schierai un giovane- disse – Speriamo porti bene”.

- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Emanuele Lombardini
Giornalista, cittadino d'Europa

More articles

- Pubblicità -spot_img

Ultima Ora

Agi