CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Ternana verso Foggia, il ds Evangelisti: “Serve un salto di qualità”

Calcio Terni Sport

Ternana verso Foggia, il ds Evangelisti: “Serve un salto di qualità”

Redazione sportiva
Condividi

TERNI – Il direttore sportivo Luca Evangelisti ai microfoni dei cronisti al posto del tecnico  Sandro Pochesci. Quasi una primizia perchè l’ex calciatore rossoverde raramente si era presentato in conferenza stampa. Ma il momento difficile e delicato dei rossoverdi in questa fase la presenza dell’uomo del mercato, serve a mettere sul tavolo anche alcune situazioni. Evangelisti chiarisce subito: “Siamo contenti a livelli di prestazioni, non di punti. Ma non sono questi dieci giorni quelli di fuoco, sono tutte sono tutte settimane di fuoco e in queste ultime partite si decide l’importanza del nostro campionato”.

Sul Foggia. Il discorso va poi al Foggia, una squadra che Pochesci ha già battuto: “Domani affrontiamo una squadra che gioca insieme da tre anni e gioca a viso aperto come noi. L’anno scorso è stata una impresa perchè poi loro hanno perso solo quella partita e vincere stavolta fuori casa sarebbe un grande rilancio per noi. Facciamo tanti gol ma non vinciamo, questo ci preoccupa”. Difficile ovviamente parlare con lui di formazione, anche se chiarisce: “Sappiamo come giocano loro, dobbiamo scendere in campo con le caratteristiche giuste. Ma noi abbiamo una grande personalità, o forse è follia, di certo non abbiamo mai timore reverenziale. E’ una squadra che mentalmente c’è, e adesso conosciamo anche la categoria”.

Poi l’assist alla stampa, settimana scorsa protagonista – in verità un cronista non meglio precisato – dello sfogo del tecnico: “Dobbiamo ringraziare tifosi e giornalisti, perchè siete maturi e ci fate lavorare serenamente, in altre piazze non sarebbe successo”.

Crescita. Ternana in crescita. Evangelisti spiega: “Ho giocato 15 anni in serie B, so che servono gambe ma anche testa. Ogni partita troviamo nuovi e maggiori equilibri, questo grazie al mister che ci ha fatto maturare, ora però, dobbiamo fare il salto in avanti. Domani ce la giocheremo come sappiamo, per fare risultato che per noi è di fondamentale importanza. Di certo meritavamo almeno 4 punti in più ma l’importante è chiudere l’andata con a dei punti che ci permettano di giocare un girone di ritorno importante. La quota è relativa”.

Mercato. Poi ovviamente, si parla di mercato, soprattutto dopo  le parole del presidente Ranucci relative agli arrivi solo in caso di partenze. Evangelisti precisa: “Sono sempre a lavoro, penso già a Gennaio, per esempio finito qui vado a vedere Roma-Lazio Primavera…. Dobbiamo lavorare per crescere, se avremo bisogno di qualcosa, ci muoveremo, se qualcuno vorrà andare via, ci regoleremo. Poi è chiaro che un conto è girare a tot punti, un conto è girare ad altri…” Intanto arrivano le prime richieste di mercato per i rossoverdi (Carretta, Signorini e Varone, su di loro il Pescara): “Siamo contenti, ma di principio per noi sono incedibili – spiega il ds- perchè la società non ha bisogno di monetizzare. Rispetto a tutti i discorsi sul calcio italiano in seguito all’eliminazione della Nazionale sul Mondiale, dico solo che chi allena deve avere il coraggio di far giocare i giovani, i quali hanno ovviamente diritto di sbagliare e non vanno massacrati. Secondo me in Italia abbiamo giovani interessanti ma il problema è che sono chiusi”

“La cosa più difficile in questi mesi?  Scegliere i giocatori giusti per allestire una squadra nuova – spiega il ds – La sorpresa invece è che Pochesci è entrato  nella testa dei giocatori prima che essere un personaggio, lui è stato capace di inculcare una certa mentalità a questa squadra e trascina il pubblico, che sa che questa squadra ha dei limiti ma anche che è imprevedibile. Chiaro che pure lui deve conoscere la serie B e trovare il suo equilibrio, ma credetemi lui ha una marcia in più, la squadra gli va dietro e si vede, è geniale”. Ma allora cosa manca a questa squadra? Evangelisti non si nasconde: “Il giocatore che possa farci dare il salto di qualità. E Finotto, che noi sappiamo che può spaccare la partita, può dare ancora di più, se riesce ad esprimersi come negli ultimi due anni, può essere uno di quelli”.

Le ultime. La notizia è il ritorno di  Plizzari, pienamente ristabilito e che quindi ritroverà il suo posto fra i pali. Per il resto poche novità. Probabile formazione (4-3-1-2): Plizzari; Valjent, Gasparetto, Signorini, Favalli; Defendi, Paolucci, Angiulli; Tremolada; Montalto, Carretta.

 

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere