CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Ternana Unicusano, un buon pari all’esordio: contro l’Empoli è 1-1

Calcio Terni Sport Extra EVIDENZA2

Ternana Unicusano, un buon pari all’esordio: contro l’Empoli è 1-1

Emanuele Lombardini
Condividi

TERNANA (4-3-1-2): Plizzari; Valjent, Gasparetto, Marino, Favalli; Varone, Paolucci, Angiulli; Tiscione (33’st Ferretti); Albadoro (16’st Tremolada), Finotto (32’st Montalto).  A disp: Bleve, Vitiello, Bordin, Di Paolantonio, Battistoni, Capitani, Franchini, Defendi, Candellone. All. Pochesci.
EMPOLI (3-5-2): Provedel; Veseli, Romagnoli (40’st Untersee), Luperto; Zappella (17’st Bennacer), Zajc, Castagnetti (26’st Picchi), Krunjc, Pasqual; Donnarumma, Caputo. A disp: Terracciano, Meli, Dermaku, Simic, Plovani, Seck, Pejovic, Traore, Jakupovic. All. Vivarini.
ARBITRO: Marinelli di Tivoli (assistenti Opromolla-Margani IV Uomo Paterna)
MARCATORI: 15’pt  Finotto (T), 37’pt Krunjc (B)
NOTE: serata calda, terreno di gioco in discrete condizioni. Spettatori: 4536 dei quali 2689 paganti e 1847 abbonati (il dato migliore dal 2003). Ammoniti: Paolucci (T), Zajc (E), Angiulli (T), Tiscione (T). Calci d’angolo: 5-5. Recupero: 1’pt 4’st. In tribuna fra gli altri l’ex tecnico rossoverde e ct albanese Panucci, l’ex ds del settore giovanile Alessandro Degli Esposti e l’ex vice di Liverani e Toscano Antonio Alessandria.

TERNI – Comincia con un pareggio la stagione della Ternana Unicusano. Contro l’Empoli è 1-1, punto buono considerando la squadra rinnovata e l’inizio difficile. Lavori in corso, chiaramente, ma diverse buone indicazioni: Tiscione (una conferma del precampionato)e Finotto su tutti, ma anche Tremolada, il cui ingresso ha dato nuovo slancio all’attacco rossoverde, che aveva funzionato solo a tratti.

La partita. Defendi recupera ma va in panchina. Pochesci sceglie Marino nella difesa con Valjent, Gasparetto e Favalli; Tiscione trequartista dietro a Finotto e Albadoro. In casa Empoli spazio a Caputo e Donnarumma con Mchedlidze ai box insieme a Laurini. In panchina i nuovi Untersee, Bennacer e Polvani. In porta l’ex Grifone Provedel.

Tanta gente, nonostante la serata caldissima al Liberati e la squadra sente l’appoggio del pubblico. Come nello stile delle squadre di Pochesci, la partenza è a tutta birra: Tiscione prova a spaventare dai 30 metri Provedel, poi al minuto 11 cross di Paolucci e colpo di testa di Albadoro che va fuori di poco; in mezzo  una giocata di Donnarumma fermata da Gasparetto. Il diagonale di Favalli a lato al minuto 13′ è  il preludio al vantaggio che arriva al 15′: Varone raccoglie un pallone lungo e crossa per la testa di Finotto che non sbaglia. Palla al centro e c’è subito l’occasione per il bis: da Angiulli centralmente per Finotto che taglia la difesa ma poi spedisce a lato il diagonale.

La partita cala gradualmente di ritmo e l’Empoli guadagna campo: Castagnetti cerca la giocata (29′), ma spedisce alto; subito dopo il diagonale di Zappella impegna la difesa rossoverde che spedisce in corner. E’un campanello d’allarme del fatto che la formazione toscana sta guadagnando terreno ma la Ternana non lo recepisce  e al 37’incassa il pari: Krunjc fa tutto da solo: scappa sulla sinistra, controlla e batte a rete, indisturbato.

Ripresa. Si riparte con l’Empoli in avanti e Pasqual che impegna subito Plizzari con un colpo di testa che finisce a lato. La Ternana risponde con un sinistro fendente di Tiscione che costringe Provedel all’angolo. Al 13′ ancora pericolosa la Ternana su calcio d’angolo di Paolucci, con Gasparetto che di testa manda a lato di pochissimo. Pochesci inserisce Tremolada per lo spento Albadoro e l’ex Entella è subito pericoloso: il suo tiro manda in tilt la difesa empolese e libera Finotto la cui botta è respinta col corpo da Provedel. Subito dopo ci prova Tiscione, con un rasoterra velenoso che finisce a lato. Altro giro di lancette e tiro di Favalli, fuori di poco. Come in apertura di gara, è una Ternana brillante, con l’Empoli che si vede solo con delle fiammate improvvise: come al 22′, quando un contropiede di Caputo impegna Plizzari, bravo a respingere da due passi. O come al 26′, quando Luperto centra di testa la traversa.

Finale rossoverde all’attacco, con Tremolada che al 42′ chiama Provedel alla deviazione in angolo e Montalto che nel recupero in testa di tuffo che sfiora la rete (palla a lato). Finisce qui, lunedì sera trasferta all’Arechi di Salerno.

DOPOGARA – Parla Pochesci

Tags:
Emanuele Lombardini
Emanuele Lombardini

Giornalista, cittadino d'Europa

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere