CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Ternana, tris alla Casertana nella festa per celebrare il gemellaggio

Calcio Terni Sport Extra EVIDENZA2

Ternana, tris alla Casertana nella festa per celebrare il gemellaggio

Redazione sportiva
Condividi

Una fase di Casertana-Ternana (foto Casertana FC)

CASERTANA (4-3-3): Benassi; Forte (1’st Colli), Rainone, Lorenzini, Ferrara (1’st Visconti); D’Anna, Rajcic (38’st Santoro), Carriero; Marotta (28’st Cigliano), Padovan, Alfageme. A disp: Avella,  Moretta, Minale, De Filippo. All.: Scazzola.
TERNANA (3-5-2): Plizzari (1’st Bleve); Valjent, Bordin (24’st Taurino), Signorini, Favalli; Tiscione (8’st Zanon), Paolucci, Varone (8’st Di Paolantonio), Defendi; Montalto (8’st Candellone), Finotto (1’st Carretta). All.: Pochesci.
ARBITRO: Fiorini di Frosinone (assistenti: Vettorel-Assante IV Uomo Moriconi)
MARCATORI: 29’pt rig Montalto, 33’pt Finotto, 7’st Signorini
NOTE: Tifoserie gemellate unite insieme sugli spalti. Giro di campo prima della partita per festeggiare i 34 anni di amicizia. Ammoniti: Padovan (C), Zanon (T). Recupero: 0’pt 2’st

CASERTA – Finisce 3-0 al Pinto di Caserta il test della Ternana Unicusano contro la formazione locale che milita nel girone C serie C.  Un test che ha lasciato buone indicazioni ma che va rivisto in relazione alle diverse assenze e ad una rosa che è indubbiamente da completare.

La partita. Rispetto alle convocazioni manca Albadoro, che si è infortunato: davanti il duo Montalto-Finotto. Non convocati, oltre a Meccariello e Franchini, quest’ultimo ancora alle prese con problemi fisici, Sala, Capitani, Battistoni, Bombagi, Di Sabatino, Sernicola, Ferretti e Canalicchio. Non c’è nemmeno Luca Giannone, destinato a finire proprio alla corte di Scazzola insieme a Taurino, che tornerebbe in rossoblù. Rispetto alle formazioni comunicate, invece, non figura Marino, ko nel riscaldamento. Nella formazione campana in porta l’ex Perugia Massimiliano Benassi, a centrocampo l’ex veronese Rajcic (36 anni) e l’ex clivense Emanuele D’Anna (35); davanti l’ex rossoverde Luis Alfageme.

fests-sugli-spalti-caserta

La festa fra le due tifoserie

Primo tempo. In casa rossoverde c’è voglia di mettersi alle spalle la gara col Trapani e così – dopo un tiro di Padovan che sfiora il palo – l’inizio della Ternana è arrembante. Subito Tiscione che colpisce a botta sicura, trovando il salvataggio sulla linea di Rainone (6′), poi Varone si presenta davanti a Benassi dopo un pallone tagliato in mezzo: para Benassi. Si vede la formazione di Scazzola, prima con Marotta e poi con Lorenzini di testa: sul secondo tiro Plizzari si supera e manda in angolo. Poi al 29′ il vantaggio delle Fere: traversa di Defendi dalla distanza, palla sui piedi di Tiscione che viene atterrato da Ferrara. Montalto spiazza Benassi. Passano quattro giri di lancette e la Ternana Unicusano raddoppia: sortita offensiva di Valjent, palla sul sinistro che Benassi smanaccia ma non trattiene, Finotto è lì e non si fa pregare. Prima del riposo, Fere vicine al 2-0: scambio Finotto-Varone, tiro dell’ex fondano deviato verso la propria porta da Forte, Benassi in estensione evita l’autorete.

Secondo tempo. Il giro dei cambi comincia con Bleve per Plizzari e Carretta per Finotto, che aveva giocato anche contro la Primavera. Locali disattenti e la Ternana ne approfitta: al minuto 7 angolo di Paolucci e Signorini segna indisturbato di destro al volo. La formazione campana non reagisce, quella rossoverde, che nel frattempo cambia parecchio, si affaccia più poco: al 12′ ci prova Defendi da lontano, con Benassi che controlla. I campani si affacciano invece con Colli che apre verso Marotta, il quale appoggia all’indietro per il destro di Carriero: tiro però che si spegne strada facendo e finisce fuori. Al 33′ Paolucci perde palla a centrocampo e manda in porta Colli, palla a lato; subito dopo il baby Cigliano (classe 1998) sfiora il gol con Plizzari che rimedia in angolo. Poi non succede più nulla sino alla fine. Prossimo test sabato sera al Liberati contro il Partizan Tirana di Mark Iuliano e del consulente di mercato Luciano Moggi.