CARICAMENTO

Scrivi per cercare



Ternana molto stanca e in affanno, col Renate arriva soltanto un punto

Calcio Terni Sport Extra EVIDENZA2

Ternana molto stanca e in affanno, col Renate arriva soltanto un punto

Emanuele Lombardini
Condividi

TERNANA (3-4-3): Iannarilli; Hristov (10′ st Fazio), Gasparetto, Bergamelli; Defendi (38′ st Bifulco), Vives (27′ st Pobega), Salzano, Lopez; Nicastro, Marilungo, Vantaggiato (10′ st Furlan). A disp.: Gagno, Vitali, Diakitè, Giraudo, Callegari, Butic, Frediani. All.: De Canio.
RENATE: (3-5-2): Cincilla; Priola, Teso, Saporetti; Vannucci, Simonetti (22′ st Rada), Doninelli (26′ st Rossetti), Piscopo (36′ st Venitucci), Frabotta (26′ st Finocchio); Spagnoli, Gomez (36′ st Pattarello). A disp.: Romagnoli, De Stefano, Florindo. All.: Oscar Brevi.
Arbitro: Giovanni Nicoletti di Catanzaro (assistenti: Lombardi- Rizzotto)
Marcatori: 7′ st Simonetti (R.), 13′ st Marilungo (T.)
Note: Allontanato Oscar Brevi, tecnico del Renate Ammoniti: Pobega (T.), Doninelli e Saporetti (R.)

TERNI – Solo un punto per la Ternana all’esordio stagionale casalingo contro il Renate. Squadra che fatica, lenta, nella quale la formazione di De Canio mostra tutti i limiti evidenti del non aver giocato partite ufficiali per oltre un mese.

Le scelte. De Canio, opta alla fine per la difesa a tre, con l’esordio dal primo minuto di Bergamelli e Lopez avanzato a centrocampo – vera sorpresa – il tridente Nicastro-Vantaggiato-Marilungo e Furlan in panchina. Sul fronte ospite Venitucci per Doninelli. Bandecchi in panchina con De Canio a seguire le Fere da vicino.

Primo tempo. Appena due occasioni nel primo tempo per la Ternana, che pure è padrona del campo, anche se c’è da segnalare un rigore apparso netto che l’arbitro Nicoletti di Catanzaro ha negato ai rossoverdi, su una palla ribattuta con la mano praticamente sulla linea di porta su tiro di Lopez. Renate coperto, con un paio di giocate verso la porta di Iannarilli che trovano il portiere rossoverde bene attento prima su Vannucci e poi su Frabotta.

Ripresa. I primi 15′ del secondo tempo sono decisivi. Segna subito, a sorpresa, la formazione lombarda segna: Frabotta mette in mezzo con un cross basso al centro della difesa, dove Simonetti sbuca e anticipa tutti. De Canio cambia modulo, rimette il trequartista (Furlan per Vantaggiato) e trova il pari grazie a Marilungo, che riesce a mettere in porta un pallone poco prima respinto da Cincilla su tiro di Nicastro. L’ex doriano segna ancora, ma stavolta l’assistente sventola un fuorigioco assai dubbio. Poi più nulla, sino alla fine. davvero, c’è parecchio da fare ancora.

Tags:
Emanuele Lombardini
Emanuele Lombardini

Giornalista, cittadino d'Europa

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere