CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Ternana, sfortuna, infortuni e rabbia: a Palermo esce sconfitta di misura (1-0)

Calcio Terni Sport Extra EVIDENZA2

Ternana, sfortuna, infortuni e rabbia: a Palermo esce sconfitta di misura (1-0)

Emanuele Lombardini
Condividi

PALERMO (3-4-1-2): Posavec; Cionek, Struna, Bellusci; Rispoli, Gnahorè (40’st Dawidowicz), Jajalo, Aleesami; Coronado (18’st Murawski); Trajkovski, La Gumina (35’st Embalo). A disp: Maniero, Pomini, Accardi,  Fiordilino, Szyminski, Monachello, All. Tedino.
TERNANA (4-2-3-1): Plizzari; Valjent, Gasparetto (14’pt Vitiello), Signorini (14’pt Favalli), Zanon; Defendi, Paolucci; Tiscione (10’st Montalto), Tremolada, Carretta; Finotto.A disp: Bleve, Angiulli, Varone, Candellone, Albadoro, Ferretti, Bombagi, Bordin All. Pochesci.
ARBITRO: Martinelli di Roma (assistenti: Borzomì-Cipressa IV Scozzo)
MARCATORI: 2’pt Rispoli (P)
NOTE: Giornata piovosa, terreno di gioco allentato. Spettatori 5514 (3451 paganti,  dei quali 55 da Terni). Ammoniti: Favalli (T), Zanon (P), Paolucci (T). Calci d’angolo: 10-2 Recupero: 4’pt 4’stst. Al 10′ st Plizzari (T) para un rigore a Coronado

PALERMO –  La serie senza sconfitte della Ternana si interrompe a Palermo: i rosanero primi in classifica ma con la testa all’istanza di fallimento, sulla cui decisione ci sarà da attendere due mesi, sfruttano la rete dell’ex Rispoli al 2′ poi non riescono a chiudere il match, sbagliando anche un rigore. La Ternana, dal canto suo mette in conto una traversa di Finotto e un rigore non concesso nel finale, apparso abbastanza chiaro. Ma soprattutto, lamenta il doppio infortunio in difesa, che mette nei guai il tecnico per il rush finale del girone di andata.

La partita. Palermo ancora senza Nestorovski e Chocev, con l’ex La Gumina in attacco al fianco di Trajkovski e l’altro ex Rispoli esterno nel centrocampo dove dall’inizio gioca anche l’ex Perugia Gnahorè. In casa Ternana Pochesci sceglie il 4-2-3-1 con Finotto terminale offensivo e Tiscione-Tremolada-Carretta alle sue spalle; solo panchina per Albadoro e Montalto. La sorpresa è il debutto dall’inizio di Luca Zanon come esterno sinistro al posto di Favalli.

Pronti via e la Ternana prende gol: Defendi si fa rubare palla da Rispoli che assistito da Gnahorè si fa tutto il campo poi salta di nuovo il centrocampista e Signorini e quindi batte a rete superando Plizzari. La Ternana prova a reagire sull’asse Finotto-Carretta, poi al 10′ Pochesci è subito costretto a fare due cambi perchè Gasparetto e Signorini si scontrano fra loro per andare su un pallone: nessuno dei due riesce a restare in campo, entrano  Favalli e Vitiello (altro ex della sfida). La Ternana è ovviamente scioccata ma si riorganizza: al 20′ bella occasione con scambio Tiscione-Tremolada e tiro a lato dell’ex Entella, poco dopo ancora Rispoli impegna la difesa rossoverde, con Valjent che limita i danni.

Coronado, bestia nera della Ternana, si affaccia al minuto 25: calcio dalla destra e impegna Plizzari alla girata in angolo, a seguire punizione da buona posizione per i rosanero che però non trova buon esito. Al 33′ occasionissima per il raddoppio palermitano: ancora Rispoli – instancabile- mette Trajkovski davanti a Plizzari ma la girata del macedone sibila a lato. La Ternana risponde al 38′ con una gran botta di Paolucci che trova pronto alla parata Posavec e 4′ dopo sfiora il pari con Defendi, che raccoglie una corta respinta di Rispoli su colpo di testa di Tiscione; Posavec para a terra. Finale di tempo scoppiettante: prima la Ternana centra una traversa con Finotto che brucia Cionek e salta di testa, poi al 45′ La Gumina ha un pallone d’oro e lo spedisce verso Plizzari, palla a lato.

Ripresa. Parte bene la Ternana che al 5′ ha la prima occasione: Favalli serve Tremolada il cui tiro sibila  a lato di poco; la risposta palermitana è affidata a Coronado che arriva un paio di volte in area senza però trovare la porta. Al 10′ La Gumina semina la difesa rossoverde, Zanon lo stende al momento dell’ingresso in area, Martinelli assegna il rigore: Coronado tira (male), Plizzari si supera. A questo punto Pochesci prova a cavalcare l’onda e inserisce una punta, Montalto al posto di Tiscione. Ma è ancora il Palermo a spingere sul gas e sfiorare il gol: al 12′ colpo di testa di La Gumina e palla a lato di un niente a Plizzari battuto. Poco dopo ancora l’ex di turno, va nuovamente vicino al gol ma ancora una volta il portierino rossoverde glielo nega con una parata d’istinto.

Al 23′ rosanero ancora pericolosi sull’asse Coronado-Trajkovski con il tiro del macedone deviato in angolo, poi si affaccia anche la Ternana: Paolucci calcia dal limite e anche per lui il pallone finisce in corner. La prima occasione della ripresa scuote i rossoverdi che si spingono in avanti e al 28′ vanno nuovamente vicini al gol: punizione dal limite di Tremolada e palla a lato di un niente. Nel finale, la Ternana reclama un rigore per un fallo di mano di Struna, che devia di braccio un cross di Carretta. Vince il Palermo, ma il pubblico del Barbara fischia.

Gasparetto e Signorini, punti di sutura. I due rossoverdi protagonisti dello scontro sono stati entrambi dimessi dall’ospedale di Palermo: 20 punti alla palpebra destra per il primo, 12 all’arcata sopracciliare sinistra il secondo, tac negativa per entrambi. Il presidente Ranucci ringrazia il Palermo “per il supporto ed aver agevolato la società in occasione dell’infortunio dei due giocatori”

Tags:
Emanuele Lombardini
Emanuele Lombardini

Giornalista, cittadino d'Europa

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere