CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Ternana, sconfitta nel big match: l’ex Burrai spinge in vetta il Pordenone

Calcio Terni Sport Extra EVIDENZA2

Ternana, sconfitta nel big match: l’ex Burrai spinge in vetta il Pordenone

Emanuele Lombardini
Condividi

PORDENONE (4-3-1-2): Bindi; Florio, Barison, Stefani, De Agostini; Misuraca (40’st Damian), Burrai, Bombagi; Berrettoni (15’st Magnaghi); Candellone (40’st Bassoli), Ciurria. A disp.: Meneghetti, Lonoce,  Nardini, Cotroneo, De Anna, Cotali,  Germinale, Bertoli, Zamuner. All.: Tesser.
TERNANA (4-3-1-2): Iannarilli; Fazio (31’st Bifulco), Diakité (40’st Hristov), Bergamelli, Lopez; Altobelli, Defendi, Salzano (31’st Pobega); Furlan (18’st Frediani); Marilungo, Butic (1’st Vantaggiato). A disp.: Gagno, Vitali, Callegari, Gasparetto, Giraudo, Nicastro All.: De Canio.
ARBITRO:Robilotta di Sala Consilina (assistenti Avalos-Catamo)
MARCATORI: 28’pt Burrai (P)
NOTE: Giornata fresca, terreno di gioco in buone condizioni. Spettatori 2000 circa. Ammoniti: Bombagi (P), Diakitè (T), Fazio, (T), De Agostini (P), Vantaggiato (T). Calci d’angolo: 7-7. Recupero 1’pt 4’st.

PORDENONE – Primo big match, missione fallita. Al Bottecchia vince 1-0 il Pordenone, con un gol dell’ex Burrai. Senza meritarlo troppo, invero, ma nemmeno la Ternana avrebbe meritato i tre punti. Fallisce l’operazione aggancio alla vetta e progetto di fuga, in testa ci vanno i ramarri di Tesser.

Le scelte. Dando seguito alle indiscreazioni della vigilia, De Canio sceglie Karlo Butic, per la prima volta dall’inizio, al fianco di Marilungo. A centrocampo Altobelli, Defendi e Salzano. Nel Pordenone Ciurria vince il ballottaggio con Magnaghi in attacco. Tre dei quattro ex in campo: Burrai, Candellone e Bombagi, squalificato Gavazzi.

Primo tempo. Squadre contratte, c’è poco spettacolo in avvio: Tesser chiede ai suoi più gioco sulle fasce, mentre De Canio si lamenta per i troppi errori. De Agostini, figlio dell’ex bianconero Gigi, ha la prima occasione, ma il tiro è troppo debole. La Ternana risponde con Defendi, senza esito. Al 17′ ancora De Agostini, pericolosissimo: cross a centro area a cercare Berrettoni, ma ci arriva prima Diakitè che spazza. Ternana macchinosa in attacco, che non riesce a costruire, il Pordenone di tanto in tanto si affaccia: al 20′ Ciurria ci prova dalla media distanza, mandando alto di poco. Butic non gira bene un buon pallone di Fazio, poi al 28′ arriva il vantaggio della formazione friulana: punizione dalla distanza di Burrai che gela la barriera rossoverde; la deviazione di Salzano manda fuori giri Iannarilli.

La replica della Ternana è con Marilungo, che di piatto a centro area raccoglie da calcio d’angolo e per poco non fulmina Bindi. Al 32′ occasione su calcio piazzato per la Ternana: punizione dal limite di Furlan e colpo di testa di Marilungo che ‘chiama’ la palla ma poi non riesce a trovare lo specchio della porta. Al 43′ Burrai cerca il bis sempre su punizione, puntando all’angolo lontano, ma stavolta la palla finisce fuori: è l’ultima occasione del primo tempo.

Secondo tempo. De Canio sceglie subito Vantaggiato per Butic: bocciato il giovane croato. Rossoverdi subito pericolosi al 2′: cross di Diakité sul secondo palo e colpo di testa di Marilungo, facile preda per il portiere avversario. Subito dopo Salzano indisturbato si coordina e tira, con Bindi che respinge di pugno. La Ternana non riesce a sfondare e De Canio cambia ancora inserendo Frediani al posto di Furlan ma la manovra continua ad essere farraginosa e si procede a strappi. Quello di Marilungo al 21′ è pericolosissimo: raccoglie un pallone in area di rigore e calcia di prima intenzione, mandando sopra la traversa. Nella circostanza c’era un compagno libero.

Tra il 29′ e il 31′ della ripresa poi, l’episodio chiave: la Ternana si guadagna una punizione dal limite, Lopez tocca per Vantaggiato, palla che sbatte sulla barriera, Ciurria brucia tutti fa partire il contopiede. Lopez butta giù con la mano Ciurria lanciato a rete: sarebbe cartellino rosso ma Robilotta lascia correre e sulla prosecuzione la Ternana sfiora due volte il gol, costringendo due volte Bindi all’intervento. Proteste plateali e giuste del Pordenone, rossoverdi graziati. Il tempo  passa e la Ternana non incide mai, De Canio cambia ancora, Tesser risponde passando con la difesa a cinque e blinda il risultato. Pordenone primo, Ternana che deve resettare tutto e pensare alla sfida di sabato col Vicenza.

Tags:
Emanuele Lombardini
Emanuele Lombardini

Giornalista, cittadino d'Europa

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere

Prossimo