CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Ternana, ricorso respinto: il tesseramento di Gnahoré è regolare. Via Aleardi va avanti

Calcio Perugia Pallavolo Terni Extra EVIDENZA2

Ternana, ricorso respinto: il tesseramento di Gnahoré è regolare. Via Aleardi va avanti

Redazione sportiva
Condividi

TERNI – Respinto il reclamo della Ternana per la presunta irregolarità del tesseramento del giocatore Eddy Gnahorè. Lo ha deciso il giudice sportivo, confermando quindi il risultato del campo che ha visto prevalere per 1-0 il Perugia nel derby di domenica. Ecco il dispositivo:

“Letto il reclamo (pervenuto a mezzo fax alle ore 15.44 del 13 febbraio 2017) della soc. Ternana, nel quale si contesta il tesseramento del calciatore Gnahore Vhakka Eddy con la soc. Perugia e di conseguenza l’utilizzo in posizione irregolare del calciatore stesso nella gara in oggetto; considerato che, come indicato al punto 11 del Comunicato Ufficiale della F.I.G.C. del 26 aprile 2016, “La decorrenza del tesseramento e, per i professionisti, anche del rapporto contrattuale, è stabilita dalla data di deposito o di arrivo della documentazione presso la Lega competente, purché venga concesso il visto esecutività da parte della medesima Lega, mentre l’utilizzazione sportiva del calciatore sarà possibile dal giorno successivo alla data del visto di esecutività”; verificato che, in data 31 gennaio 2017, l’Ufficio Tesseramento della LNPB rilasciava regolare “visto di esecutività” alla soc. Perugia per il tesseramento dal calciatore Gnahorè autorizzandone, di fatto, l’utilizzo; letti, inoltre, i pareri della FIFA, su cessioni di contratto uguali a quello avvenuto tra la soc. Napoli e la soc. Perugia per il calciatore Gnahorè, che, considerando “tecniche” alcune operazioni di tesseramento precedenti, di fatto confermano il corretto operato del sopra citato Ufficio Tesseramento; si delibera di rigettare il reclamo della soc. Ternana poiché infondato nel merito, confermando, pertanto, il risultato conseguito sul terreno di giuoco”.

La Ternana non molla e andrà avanti con il giudice di secondo grado, vale a dire la corte sportiva di appello nazionale.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere