CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Ternana pronta per il Palermo, Lucarelli: “Mercato da 9, adesso tocca al campo”

Calcio Sport

Ternana pronta per il Palermo, Lucarelli: “Mercato da 9, adesso tocca al campo”

Emanuele Lombardini
Condividi

TERNI– Tutto pronto per Ternana-Palermo, in campo domani alle ore 15 allo stadio Liberati. Conferenza stampa del tecnico rossoverde Cristiano Lucarelli in area ospitalità. Si comincia parlando di mercato: “Intorno alle 18 di ieri, ho mandato un messaggio a Leone dicendogli che il suo mercato era da 8, l’ho stimolato a farlo diventare da 10: diciamo che è da 9. A parte battute, la società ha fatto il massimo per accontentarmi nei limiti delle nostre possibilità e volontà degli altri a cedere. Sono soddisfatto, ora parola al campo. Cosa manca? Un bravo allenatore si mette a lavorare e cerca di trovare la quadratura sul campo. Parlando dell’attaccante da doppia cifra, io non l’ho mai chiesto, ho sempre detto che il reparto intero dovrebbe fare 50 gol, Vantaggiato da solo ha un potenziale da 15 reti. Il marcatore mancino? Non è fondamentale giocando a 4. Se avessimo deciso di giocare a 3 sarebbe stato necessario”.

Bergamelli, che ha rifiutato il trasferimento a Cesena, andrà fuori lista come l’infortunato Celli e come Argento. Onesti resta come 2002 inseribile fuori lista, mentre Niosi andrà in prestito al messima. Si parla dei nuovi, con Frascatore fermo da metà luglio: “Ieri si è allenato con noi, oggi lo stesso. Dobbiamo avere soltanto la risposta del secondo tampone e può essere convocabile. Non ti da i 90 minuti ma forse degli acquisti che abbiamo fatto solo Palumbo e Boben possono avere un minutaggio importante, mentre gli altri sappiamo che dobbiamo aspettarli. Questo è il motivo per cui non abbiamo concretizzato Adopo, aveva una degenza da smaltire e non era pronto da subito. Eventualmente ne riparleremo a gennaio: sta a me me cercare di costruire con il lavoro gli equilibri che ci serviranno in campionato. La strada è ancora lunga, non siamo ancora a quello che voglio io dalla mia squadra”.

Non arriverà per ora un terzo portiere: “Al momento stiamo bene così. La regola ci consente in caso d’infortunio del portiere di sostituirlo ora ci attiveremo con il direttore se muoverci subito e muoverci subito oppure no. Siamo molto contenti di Vitali, mi dice Spinosa che ha avuto un’evoluzione importante da quando è arrivato. Con Piero sta avendo una crescita velocissima e quindi ci sentiamo coperti. Entro questa settimana decideremo”.

Kontek. Su Kontek schierato mediano: “E’ una bella opportunità, nata dalla lista a 22. Se avessimo avuto subito le rose a 24, dubito che avremmo preso giocatori adattabili in diverse zone del campo. Lui lo avevamo individuato per farlo giocare dalla difesa. Avevamo bisogno di uno bravo a far partire l’azione dal basso e con la personalità per farlo: conosco il calciatore da qualche anno, mi ricordavo che ad inizio carriera ha giocato a centrocampo da giovane. Nei paesi slavi i centrocampisti li abbassano per far partire l’azione dal basso. E poi lui nasce centrocampista e solo dopo si è affinato da difensore”.

Sul Palermo “Il vero uomo in più della squadra è  Roberto Boscaglia. Hanno fatto mercato intelligente con giocatori di categoria forte e innesti dalla B. E’ l’intelaiatura di top player di serie C. Conoscono il campionato e sanno a cosa vanno incontro. Per quello che ha passato, il Palermo è una squadra che viene a Terni con la mentalità giusta, non credo penserà che che sia una partita semplice e quindi verranno con la giusta motivazione. Anche se in passato hanno fatto campionati di categoria superiore oggi non è così. Arrivano da un anno di Serie D e venire a Terni darà loro grandi motivazioni. Al tempo stesso però noi dobbiamo aspettarci quello che ci aspettava sabato, quando invece di essere aggrediti abbiamo aggredito noi”.

Le ultime. Ancora assenti Salzano  oltre a Ferrante, che Ferrante da ecografia risulta guarito ma continua ad avvertire problemi all’anca ed oggi ha fatto nuovi accertamenti.  Paghera potrebbe tornare fra i convocati

Probabile formazione.“Potrebbe giocare lo stesso undici di domenica, ma se qualcuno non ha recuperato del tutto potrei mettere qualcuno fresco per avere quello sprint in più che vogliamo all’inizio della partita. Deciderò solo in ritiro, dopo aver parlato coi giocatori: il copia e incolla non funziona. Magari attacchi al muro uno e ti fa tre gol, lo fai ad un altro e sparisce per due mesi”.

 

Tags:
Emanuele Lombardini
Emanuele Lombardini

Giornalista, cittadino d'Europa

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere