CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Ternana, primo giorno di lavoro, Lucarelli: “Gruppo motivato e carico”

Calcio Sport

Ternana, primo giorno di lavoro, Lucarelli: “Gruppo motivato e carico”

Redazione sportiva
Condividi

TERNI – Giornata intensa per la Ternana. I giocatori si sono ritrovati all’alba per effettuare il primo tampone, come previsto dal protocollo sanitario: esito negativo per tutti e quindi il gruppo ha potuto cominciare il lavoro. La squadra ha cominciato la preparazione agli ordini di Cristiano Lucarelli e del suo staff all’antistadio Taddei: lavoro a gruppi di 9, fino a venerdì, quando all’esito del secondo tampone cominceranno i lavori di squadra.

Da domani comunque doppie sedute. Oggi è stato un giorno di ripresa, dal punto di vista atletico e fisico ed è stata l’occasione per il tecnico per parlare con i vari gruppi: un discorso motivazionale ma chiaro. Riassumibile nel concetto: chi non ha voglia di lottare per la maglia, non può giocare nella Ternana. Sarà fondamentale anche per le scelte che il tecnico sarà costretto a fare per ridurre la rosa: sono partiti in 28, ma per poter fare un acquisto dovranno andarsene altri sette, anche se uno (verosimilmente il portiere Marinaro) potrebbe rimanere come giovane di serie.

La squadra ha svolto  una blanda ripresa atletica, con lo scopo soprattutto di “risvegliare” i muscoli degli atleti dopo più di un mese di stop. Sarà più o meno così per tutta la settimana, che sarà di preparazione per quella successiva, dove si comincerà a lavorare duramente. Ancora seduta differenziata per i due infortunati Ferrante e Proietti. L’attaccante ha lavorato in parte col gruppo mentre  il centrocampista è in recupero dopo l’operazione ed ha anche lui fatto qualcosa col gruppo, ma non sarà pronto prima di un mese. Celli invece, nonostante il fastidio alla caviglia, ha lavorato a pieno regime.

Sul fronte delle amichevoli, il protocollo non consentirà di giocare contro formazioni dilettantistiche, ma il tecnico Lucarelli ha già anticipato che saranno organizzate partite contro squadre di pari categoria o superiori alle quali si arriverà con una serie di partitelle in famiglia, visto anche l’alto numero di giocatori (28) con i quali il tecnico sta lavorando: “Ho visto un gruppo motivato e con la testa sulle spalle – ha detto il tecnico – che sta anche bene fisicamente”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere