CARICAMENTO

Scrivi per cercare



Ternana, Pochesci a gamba tesa in tv contro Ranucci e i giornalisti

Calcio Sport

Ternana, Pochesci a gamba tesa in tv contro Ranucci e i giornalisti

Redazione sportiva
Condividi

TERNI – Mentre attende di tornare ad allenare lavora con i bambini alla scuola calcio di sua proprietà a Tor Bella Monaca e recentemente è diventato anche scrittore con il libro ‘3-3-1-3’, che ripercorre il suo celebre modulo di gioco. Ieri sera però Sandro Pochesci è andato oltre: in una intervista telefonica a Campo Aperto, il programma condotto da Sergio Fabiani su TEF Channel, ha attaccato duramente sia Ranucci sia – di riflesso, ma non troppo – la categoria dei giornalisti ternani.Ne riportiamo alcuni contenuti ed alcuni brani delle frasi pronunciate dallo stesso Pochesci, frasi delle quali si assume le sue responsabilità e siamo pronti a pubblicare anche eventuali repliche che dovessero arrivare dallo stesso Ranucci in risposta.

Su Ranucci Subito l’affondo, durissimo, a Ranucci, il presidente della Ternana, che peraltro da qualche settimana si è distaccato dagli impegni in prima persona per il club dopo la nomina a presidente del Cda della Unicusano: “E’ lui, il vero problema – dice Pochesci – ed è lui che voleva mandarmi via. Ad Avellino non volle che schierassi due calciatori. Uno di questi era Montalto. E’ lui che fa la guerra ai calciatori e agli allenatori. Mi mandò via perché credeva che Ferruccio Mariani fosse meglio di me. Ha rovinato anche De Canio, quando ha cominciato a fargli la guerra. Finchè sarà lì, rovinerà tutto“. Poi, un riferimento che dà l’idea di essere legato alla battaglia portata avanti per il ripescaggio: “Si è pure messo contro il ‘Palazzo‘, con le pupazzate che ha fatto l’estate scorsa“.

Stampa e Bandecchi Poi tocca a Bandecchi: “Lui è una vittima – dice – “Una volta esonerato, ho cancellato pure il suo numero di telefono. Io litigai con Bandecchi perché voleva far restare Tiscione al posto di Tremolada. Io invece non volevo mandare via Tremolada, ma avrei ceduto a gennaio sette giocatori, quelli provenienti dal Fondi. C’erano pronti anche tre calciatori che sarebbero venuti a Terni. Uno era Bocalon, che la Salernitana ci avrebbe dato dopo la partita di Terni“. Al termine della quale però fu esonerato. E sui giornalisti: “Ci sono giornalisti a libro paga di Ranucci, pagati da lui per scrivere cose a lui gradite”.

La replica dell’Ussi “Il gruppo umbro dell’Ussi – Unione Stampa Sportiva Italiana ritiene estremamente lesive dell’onorabilità e della professionalità dei colleghi e della categoria le dichiarazioni pronunciate dal signor Sandro Pochesci, già allenatore della Ternana in collegamento telefonico con il programma ‘Campo aperto’ in onda domenica 17 febbraio sull’emittente TEF Channel e condotta da Sergio Fabiani – si legge in un comunicato -. Se il signor Pochesci ha prove certe relativamente al fatto da lui affermato che ‘Ci sono giornalisti a libro paga del presidente Ranucci per scrivere cose a lui gradite’, il gruppo umbro dell’Ussi lo invita a fare pubblicamente i nomi, ed eventualmente a denunciare il fatto agli organismi preposti che accerteranno la veridicità di quanto da lui sostenuto. In caso contrario, tali affermazioni sono da ritenersi esclusivamente volte a gettare discredito su una intera categoria e su chi quotidianamente lavora per raccontare le vicende sportive e non solo legate alla Ternana”.

 

 

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere