CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Ternana, per il dopo-Breda spuntano contatti con l’allenatore del Teramo Vivarini

Sport Extra

Ternana, per il dopo-Breda spuntano contatti con l’allenatore del Teramo Vivarini

Andrea Giuli
Condividi

Di Emanuele Lombardini

TERNI – Comincia il toto-allenatore in casa Ternana, anche se il “rompete le righe” ufficiale non c’è ancora e da contratto i giocatori si stanno ancora allenando con Breda. Il tecnico veneto non ha ancora avuto alcun contatto con la società ed è difficile che ne abbia, dunque è pronto ad accodarsi alla lunga lista dei partenti. La notizia che arriva dall’emittente abruzzese Rete8 è che la società rossoverde (non è ben chiaro chi, visto che la Ternana non ha un ds né un dg) ha contattato Vincenzo Vivarini.

L’allenatore del Teramo è digiuno di serie B ma è uno che ha già vinto un campionato in Lega Pro (quello 2014-15, poi sottratto dalla giustizia sportiva) ed ha lanciato tanti talenti (ultimo Gianluca Lapadula, capocannoniere della B a Pescara e ora preso dalla Juventus). Su di lui c’è mezza Lega Pro ma il tecnico abruzzese ha già detto che aspetterà una chiamata dalla B anche a costo di dover stare fermo sino a gennaio. Terni sarebbe destinazione gradita ed è chiaro che se dovesse arrivare una offerta ufficiale non ci sarebbero esitazioni. Ma è chiaro anche che un eventuale arrivo di Vivarini significherebbe mettere in piedi un progetto diverso da quello del quale si sta tanto parlando.

Che prevederebbe l’arrivo come ds di Massimiliano Mirabelli, che già contribuì alla scalata in B della Ternana di Toscano e che poi ha fatto molto bene sia in Italia che al Sunderland. Mirabelli, attuale capo-osservatore dell’Inter, si porterebbe dietro l’ex Pro Vercelli Stefano Vecchi, ora alla guida della Primavera dell’Inter, da dove presumibilmente arriverebbero una manciata di giocatori imberbi ma di grandi prospettive. Fabrizio Larini, l’altro nome accostato alla Ternana nel ruolo di ds, visto più volte al Liberati quest’anno, ha ammesso di “aver collaborato” con i rossoverdi. Ha una lunga esperienza (Udinese, Novara) e sarebbe un nome importante. Ma è chiaro che dovrebbe essere supportato da un progetto adeguato. Ecco perché su di lui c’è già il Modena appena retrocesso e desideroso di tornare subito in B.

Sul fronte allenatori, non è ancora ufficialmente caduta la pista all’ex Lazio Simone Inzaghi, che si ricollega con un filo diretto a Sebastiano Siviglia, che degli aquilotti è stato l’allenatore dei giovanissimi e che ora a Terni è club manager. Inzaghi, che guidava la Primavera biancoceleste, ha esordito in serie A nel finale di stagione al posto dell’esonerato Pioli e potrebbe gradire un anno di serie B per fare esperienza con una prima squadra. Dalla Lazio la Ternana ha già avuto qualche buon giovane (Crecco su tutti) ma c’è da dire che con gli ex giocatori del club passati in panchina in tempi recenti non ha esattamente avuto fortuna: retrocessione in C1 con Mimmo Caso, retrocessione in C2 con Bruno Giordano, poi salvata dal ripescaggio, esonerato Nando Orsi…

Andrea Giuli
Andrea Giuli

Redattore

  • 1