CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Ternana, pari di speranza a La Spezia: al Picco è 1-1, aggancio all’Ascoli

Calcio Terni Sport Extra EVIDENZA2

Ternana, pari di speranza a La Spezia: al Picco è 1-1, aggancio all’Ascoli

Redazione sportiva
Condividi

SPEZIA (4-3-1-2): Di Gennaro; De Col, Terzi, Ceccaroni, Lopez; Pessina, Bolzoni, Maggiore (22’st Mora); Mastinu (28’st Ammari); Forte (40’st Granoche), Marilungo. A disp. Manfredini, Capelli, Giani, Juande, Gilardino, Augello, De Francesco, Masi, Vatteroni. All: Gallo.
TERNANA (4-3-1-2): Sala; Vitiello, Rigione, Signorini, Favalli; Defendi (20’st Ferretti), Bordin (39’st Varone), Signori; Tremolada (28’st Valjent); Montalto, Finotto. A disp. Plizzari, Angiulli, Statella, Piovaccari, Albadoro, Repossi, Zanon, Carretta, Gasparetto. All: De Canio.
ARBITRO: Martinelli di Roma 2 (assistenti Imperiale-Citro IV Uomo Guarnieri)
MARCATORI: 28’pt Finotto (T) 43’pt Forte (S)
NOTE: Spettatori: 5mila circa (732 paganti + 4200 abbonati). Allontanato il tecnico spezzino Gallo al 40’pt per proteste. Ammoniti: Lopez (S) Terzi (S) Valjent (T) Mora (S). Calci d’angolo 15-2. Recupero 0’pt 5+1 st

LA SPEZIA – Un punto che fa bene per il morale, oltrechè per la classifica. La Ternana pareggia 1-1 a La Spezia contro la formazione guidata dall’ex Fabio Gallo. La sconfitta dell’Ascoli consente almeno l’aggancio ai bianconeri in vista dello scontro diretto di sabato che si preannuncia al calor bianco.

Le scelte. Gallo cambia. In difesa c’è Ceccaroni al posto di Giani, a centrocampo Maggiore per Mora ma soprattutto in attacco  è Forte a fare da spalla a Marilungo con in panchina Granoche e Gilardino. In porta l’ex Raffaele Di Gennaro. De Canio  sceglie Bordin al posto di Paolucci e Finotto in attacco al posto di Piovaccari.

Primo tempo.  Partenza sprint con 20 minuti di fuoco. Mastinu si incunea fra le linee e dopo appena 2′ mette Forte davanti a Sala, con la difesa rossoverde che spazza.Immediata la risposta delle Fere con Montalto che approfitta di un errato disimpegno di Bolzoni per involarsi e calciare verso la porta, con un sinistro però debole. Minuto 7:  Vitiello calcia dalla distanza, Montalto fa la sponda al limite per Signorini che gira al volo, Di Gennaro para bene. Poco dopo Favalli serve un bel pallone a mezz’altezza che Defendi spedisce sopra  traversa. Poi tocca allo Spezia. Minuto 15: testa di Terzi da corner, palla a lato a Sala battuto, quindi stop di Pessina e botta al volo, con palla a lato. Nel momento migliore dei liguri, arriva il gol rossoverde: Mastinu stende Tremolada al limite dell’area e sulla punizione dello stesso ex Entella Finotto gira al volo la palla in rete.

Lo Spezia non reagisce subito e la Ternana sfiora due volte il bis alla mezzora, prima con Bordin che calcia al volo dal limite dopo una respinta della difesa spezzina (palla in corner) e poi sugli sviluppi, con il colpo di testa di Rigione a lato di un niente. Prima del riposo il pari degli aquilotti bianconeri: imbucata di Pessina, tacco di Marilungo che libera al tiro Forte con l’ex perugino che non sbaglia.

Secondo tempo. Lo Spezia rientra in campo e prova subito il ribaltone, ma Sala conferma che la scelta di ridurlo a terzo portiere da parte di Pochesci e Mariani era sbagliatissima perchè con un colpo d’anca devia la girata di Marilungo dopo punizione di Mastinu. Lo stesso Mastinu sfiora il gol, poi  la Ternana riguadagna metri (Tremolada, palla lontana dalla porta), prima della nuova occasione bianconera al 19′: cross bdi Lopez, colpo di testa di Pessina che finisce sul palo e poi attraversa tutto lo specchio della porta prima di terminare a fondo campo.

Comincia il giro dei cambi, gradualmente De Canio avanza anche Vitiello e Valjent a centrocampo con Bordin trequartista e la partita finisce praticamente qui perchè lo Spezia non ne ha più e la Ternana nemmeno. Ultimi fuochi il tentativo al 44′ di Granoche su cross di Da Col parato da Sala e l’occasione nel recupero per Montalto, su una punizione a due in area concessa per il tocco all’indietro di Bolzoni a Di Gennaro. Signori tocca, Montalto scarica di potenza, ma contro la barriera. Finisce qui, sabato ad Ascoli sarà già spareggio.

 

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere