CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Ternana, la partita della noia: col Carpi è l’ennesima occasione persa (0-0)

Calcio Terni Sport Extra EVIDENZA2

Ternana, la partita della noia: col Carpi è l’ennesima occasione persa (0-0)

Emanuele Lombardini
Condividi

TERNANA (3-4-1-2): Bleve; Valjent, Gasparetto, Signorini (42’st Marino); Defendi, Paolucci, Angiulli, Favalli; Tremolada; Albadoro (12’st Montalto, 30’st Finotto), Carretta. A disp: Sala,  Zanon, Varone, Bordin, Franchini, Capitani, Candellone,  Tiscione. All. Pochesci.
CARPI (4-4-2): Colombi; Sabbione, Poli, Ligi, Pachonik; Jelenic, Mbaye, Verna, Pasciuti (10’st Saric);Hraiech (25’st Carletti), Nzola. A disp: Serraiocco, Capela, Vitturini, Anastasio, Romano, Giorico, Manconi, Brosco, Yamga, Malcore. All. Calabro.
ARBITRO: Chiffi di Padova (assistenti: Cecconi-Lanotte IV Uomo De Remigis).
MARCATORI:
NOTE: Giornata fresca, terreno di gioco in buone condizioni. Spettatori 3987 (1900 paganti, 2077 abbonati) circa dei quali 20 da Carpi. Ammoniti: Albadoro (T), Sabbione (C). Calci d’angolo: 8-2 Recupero 0’pt 5’st. In tribuna l’ex rossoverde ed ex tecnico del Perugia Gianluca Atzori

TERNI- Stavolta la vecchia storia del bicchiere non lascia spazio ad interpretazioni: la Ternana ha perso due punti col Carpi. Perchè lo 0-0 inutile e incolore che matura al Liberati nel posticipo evidenzia ancora una volta le lacune di questa squadra. Al cospetto di un avversario spuntato e assolutamente inoffensivo, i rossoverdi raccolgono solo le briciole e se è vero che sul palo di Montalto è mancata la fortuna, è altrettanto vero che la formazione di Pochesci non ha mai dato l’impressione di poter veramente prendere possesso del match, imbrigliata dal muro eretto davanti a Colombi dal tecnico ospite. L’aggancio in classifica al Cesena, davvero, è un brodino insipido.

La partita. Pochesci recupera Bleve e sceglie Carretta al fianco di Albadoro nel 3-4-1-2 di partenza, con Angiulli dall’inizio e Varone in panchina. Calabro, tecnico carpigiano, è privo di Mbakogu: coppia d’attacco formata dal tunisino  Hraiech Saber e dal francese  M’Bala Nzola. Panchina per l’ex Brosco, assenti  gli altro ex Belloni. e Concas, oltre a Bittante.

 Si parte al piccolo trotto. La prima occasione è della Ternana: cross da sinistra di Paolucci, Valjent la raccoglie da una mischia e tira, palla fuori di poco. Risposta del Carpi con Verna che impegna Bleve in una parata a terra. Noia a secchi nella prima metà frazione: senza Mbakogu il Carpi fatica a pungere, mentre la Ternana avanza in maniera confusa e anche quando ha qualche buona idea, come quella di Albadoro al 19′,  non la sfrutta: l’attaccante  allarga per Favalli che però non trova la mira giusta e spreca tutto e tira in bocca a Colombi.

Avanti senza emozioni fino al 35′ quando un contropiede di Tremolada si trasforma in un rigore in movimento che però l’ex giocatore della Virtus Entella non riesce a concludere in gol, mandando alto da buona posizione. Fotocopia al minuto 41, ma con Defendi  che ci prova in diagonale, deviato in corner da Colombi.

Ripresa. Si riparte sulla stessa falsariga: andamento lento, poco gioco, azioni confuse. Carpi non pervenuto, la Ternana ci prova in maniera sommessa: minuto 2, cross dalla sinistra di Tremolada e colpo di testa centrale di Albadoro che Colombi para bene. Poi ci prova Valjent in spaccata, assistito da Paolucci, con palla sull’esterno. Pochesci inserisce Montalto, ma toglie Albadoro che mostra chiaramente di non gradire la sostituzione. Il tedio infinito di un match senza alcuno spunto degno di nota è rotto da un lampo improvviso al 23′: cross di Tremolada e colpo di testa di Montalto che si schianta sul palo. E’l’ultima giocata per l’ex stabiese che poco dopo si scontra con Mbaye, accusa un colpo alla testa ed è costretto a lasciare il posto a Finotto. Altro lampo al 39’punizione dal limite di Tremolada che aggira la barriera, ma Colombi si distende e ci arriva. Si fa male anche Signorini (dentro Marino), Jelenic impegna Bleve alla parata in estensione, poi più niente. Sabato trasferta al Tombolato di Cittadella, servirà un’altra Ternana.

 

Tags:
Emanuele Lombardini
Emanuele Lombardini

Giornalista, cittadino d'Europa

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere