CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Ternana in bianco contro la Sicula Leonzio, rabbia per un rigore negato

Calcio Terni Sport

Ternana in bianco contro la Sicula Leonzio, rabbia per un rigore negato

Redazione sportiva
Condividi

TERNANA (4-3-2-1): Iannarilli; Parodi, Russo, Celli, Mammarella; Defendi, Damian (31’pt Palumbo), Verna (29’st Paghera); Torromino (13’st Furlan), Marilungo (13’st Ferrante); Vantaggiato. A disp.: Marcone, Tozzo, Proietti,Mucciante,  Sini, Nesta, Bergamelli. All: Gallo
SICULA LEONZIO (3-5-2): Adamonis; Tafa, Bachini, Ferrara; Lia (20’st Parisi), Palermo (23’pt Sicurella), Bucolo, Provenzano (32’st Bariti), Sabatino; Grillo (32’st Sosa), Catania (20’st Scardina). A disp.: Fasan, Bariti,  Ferrini, De Rossi,  Lescano. All.: Grieco
ARBITRO: Garofalo di Torre del Greco (assistenti: Bocca-Fine)
MARCATORI:
NOTE: Giornata soleggiata ma fresca, terreno di gioco in buone condizioni. Spettatori 5282 (259 paganti). Ammoniti: Bergamelli (T) dalla panchina, Defendi (T), Vantaggiato (T), Lia (S), Ferrara (S), Verna (T).. Calci d’angolo: 4-0. Recupero 3’pt 4’st

TERNI – Finisce senza gol fra Ternana e Sicula Leonzio.Una brutta Ternana resta imbrigliata nella buona organizzazione difensiva dei siciliani, che tornano dal Liberati con un punto insperato. Non un bel viatico per i rossoverdi in vista del big match di lunedì a Reggio Calabria, soprattutto visto che i calabresi stanno per scendere in campo in questi minuti.

Le scelte. Gallo lascia in panchina i due diffidati Palumbo e Paghera e lancia dall’inizio il nuovo arrivato Luca Verna. Scelte obbligate o quasi in difesa, in attacco invece Vantaggiato è il terminale offensivo davanti a Torromino e Marilungo. Nella formazione siciliana Lia esterno destro al posto di Parisi è l’unica novità della viglia.

Primo tempo. Si parte al piccolo trotto: la Ternana tiene il pallino del gioco, ma i siciliani sono bene organizzati: soprattutto a centrocampo, lo schermo costruito dal tecnico Grieco mette piuttosto in difficoltà i rossoverdi.

Al 15′ però in un’azione di contropiede, i rossoverdi potrebbero segnare: Defendi si ritrova a tu per tu, dopo un contropiede, con il portiere Adamonis, che nel tentativo di saltarlo lo stende. Il rigore è netto, anche rivedendolo alla televisione: il capitano rossoverde accompagna la caduta ma il fallo è netto. Subito dopo, le squadre perdono per infportunio un giocatore a testa: nel caso delle Fere esce Damian, al suo posto Palumbo. Poco prima, la Ternana ha una buona occasione con Torromino, il cui tiro dal limite sfiora il palo. Le conclusioni deboli di Vantaggiato da una parte e Lia dall’altra e il tentativo di Marilungo sulla respinta di Adamonis sul primo angolo rossoverde al 3′ di recupero (palla alta), chiudono una prima frazione che è vissuta solo su due lampi.

Secondo tempo.La Ternana non si scuote. Parte a tutto gas nel secondo tempo ma è una corsa che non dà frutti e così al 13′ Gallo prova a cambiare ancora, passando alla difesa a 3 ed inserendo Ferrante  e Furlan per Torromino e Marilungo. Si gioca poco, quasi niente. Al 18′ la Ternana ha una occasione su calcio franco, conquistata da Ferrante dal limite dell’area: la punizione di Vantaggiato finisce alto.

Verna ci prova dalla distanza, con la palla che finisce a lato, poi ci prova Ferrante, sempre da lontano, con il portiere Adamonis che è bravo a neutralizzare, ma sono soltanto fiammate in un match sostanzialmente bloccato. Gallo ci prova inserendo Paghera per Verna ma la situazione non cambia: i siciliani chiudono col lucchetto l’area di rigore, strozzando le azioni rossoverdi sin dal centrocampo. Prima del finale, la Ternana si vede con un tiro cross di Palumbo, che che impegna Adamonis, il quale smanaccia e mette fuori Nel recupero, colpo di testa di Ferrante e parata dell’estremo difensore lituano..Finisce in bianco, è un pari amarissimo.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere