CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Ternana, il presidente Bandecchi trova 5000 mascherine e dice: “Campionato finito, assegnare le promozioni”

Calcio Terni Sport

Ternana, il presidente Bandecchi trova 5000 mascherine e dice: “Campionato finito, assegnare le promozioni”

Redazione sportiva
Condividi

TERNI – A movimentare la forzata calma piatta del mondo del calcio, arriva il presidente della Ternana Stefano Bandecchi. L’imprenditore livornese in questi giorni di quarantena è stato fra i più attivi a livello di solidarietà: 30.000 euro personali all’ospedale di Terni, ai quali si sono aggiunte le donazioni dei calciatori, dell’ex presidente Ranucci e di un procuratore, un ventilatore polmonare sempre per l’ospedale, acquistato in parte con una colletta dei tifosi, che hanno rinunciato al rimborso dovuto sulle partite non usufruite dell’abbonamento ed in parte con una sua donazione personale e l’annuncio, nella giornata di sabato, di aver trovato 5000 mascherine.

In un video su Instagram annuncia che sono state reperite a Roma e che il vicepresidente Paolo Tagliavento  le consegnerà in egual misura all’ospedale di Terni alla Croce Rossa, al 118 e anche alla questura: ” Cercheremo di reperirne altre centomila”, dice.

Stop al campionato Ma nello stesso video, Bandecchi dice annuncia di non aver firmato, in rappresentanza della società rossoverde, un documento di intenti che coinvolge l’intero panorama di terza serie relativamente alla ripresa del campionato: “Manca l’onesta sportiva: voglio che questo campionato venga interrotto dove siamo arrivati- dice –  è giusto fermarci ed assegnare i titoli, le promozioni e le retrocessioni”. Fa un paragone con la Coppa del Mondo di sci, assegnata nonostante mancassero cinque gare: “Perchè non possiamo farlo anche noi? La Reggina e le altre squadre che sono prime negli altri gironi, è giusto che vadano in B e chi è ultimo è giusto retroceda”.

E sui playoff: “Se a giugno ci sarà tempo di farli, li giocheremo, tutti interi così come sono. Altrimenti il quarto non sale”. Poi sdrammatizza: “Oppure, dico una cosa per i ternani? Perchè non facciamo che chi vince la finale di Coppa Italia è promosso? Lo so che sono di parte…era per farci una risata”

Si decide il 3 aprile. Una decisione sul futuro della stagione sarà preso probabilmente il 3 aprile, quando il presidente della LegaPro Ghirelli ha convocato in videoconferenza i 59 presidenti di serie C. Tra i temi all’ordine del giorno, ci saranno le considerazioni sullo stato dell’emergenza Covid-19, sulla stagione in corso e le azioni da intraprendere, su cosa fare del campionato 2019-2020 e il problema dei sacrifici e quindi i contratti dei calciatori. Non è escluso che possa prendere piede, dalla serie A fino ai dilettanti, l’ipotesi di non finire la stagione, ma di congelare le classifiche, assegnando promozioni e retrocessioni, con una serie C che potrebbe ritrovarsi il prossimo anno, per una serie di situazioni, con 66 squadre. Non resta che attendere.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere