CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Ternana, i nuovi Torromino e Celli: “Pronti a dare il massimo per le Fere”

Calcio Terni Sport

Ternana, i nuovi Torromino e Celli: “Pronti a dare il massimo per le Fere”

Redazione sportiva
Condividi

TERNI – Giornata di presentazioni in casa Ternana. Quella di Giuseppe Torromino, arrivato prima della gara di Rieti, che ha già esordito e quella dell’esterno sinistro Alessandro Celli, classe 1994, romano, prelevato ieri pomeriggio.  L’esterno, svincolato, ex Pescara, nell’ultima stagione è stato prima in B al Foggia senza giocare e poi al Teramo (19 presenze da gennaio a giugno).  Celli si è legato alla società rossoverde fino al 30 giugno 2020 e vanta oltre 100 presenze in C e D anche con la Lupa Frascati. Avrà la maglia numero 2.

Celli. L’esterno si presenta: “Gioco a sinistra, sia con la difesa a 4 che a a 5. Ho trovato buoni stimoli qui, è stata una trattativa breve. Le mie caratteristiche? Ho molta corsa, posso imparare molto da Mammarella. Sono pronto a fare bene”.

Torromino. L’attaccante, che ha esordito, dice: “Sensazioni positive, o trovato un gruppo molto affiatato che ha lavorato bene in preparazione. Ci sarà concorrenza, ma devo capire dal mister cosa vuole da me. Io sono una seconda punta, ho fatto anche l’esterno. Penso che le mie caratteristiche si possano sposare bene con la squadra. Vincere non è mai facile, sono stato bravo e fortunato a giocare in squadre costruite per vincere, mentre altre volte abbiamo fatto un miracolo”.

Girone. Entrambi sono chiari: “Il girone è tosto, difficile, ci sono campi caldissimi, ci sarà da lottare”, dice Celli. Gli fa eco Torromino, specialista in campionati vinti (7 in carriera) che dice: “Ci sono qui i presupposti per fare bene, ma è meglio non fare proclami, visto anche come è andata l’anno scorso. Il girone C è molto difficile, ci sono campi che nemmeno in Serie B si trovano. Il livello della Serie C si è alzato molto, anche a livello fisico“.

L’avversario. Poi parla del Potenza: “E’ una squadra tosta e organizzata, con un tecnico preparato. Sarà un buon test per capire a che punto siamo e se possiamo fare lotta di testa. Non abbiamo pressione, siamo contenti di avere molti tifosi. A Rieti abbiamo iniziamo molto bene la partita, i ragazzi hanno dimostrato di voler imporre il gioco, anche se contro una formazione non eccelsa. Quando sai che alle spalle ci sono giocatori di qualità è più facile giocare“