CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Ternana, ecco le nuove maglie. Cinquina nel test con l’Ebolitana

Terni Sport Extra

Ternana, ecco le nuove maglie. Cinquina nel test con l’Ebolitana

Emanuele Lombardini
Condividi

TERNI – Il bagno di folla è quello di sempre: la sala consiliare gremita di tifosi per il battesimo ufficiale delle nuove divise della Ternana 2017-18, che per il momento il marchio Unicusano ce l’ha sul petto e sullo scudetto ma non ancora sulla denominazione ufficiale, anche se il presidente Stefano Ranucci ha poi spiegato che si va verso ‘Ternana Unicusano’ e non viceversa.

Saluti di rito da parte dell’assessore Emilio Giacchetti, che ha ribadito il legame forte con la città e l’amministrazione stabilito dalla nuova proprietà rossoverde, ringraziato i Longarini per gli ultimi 14 anni e lanciato nuovamente la palla per progetti comuni. Come i lavori in corso al Liberati, gli stessi che oggi pomeriggio impediranno l’accesso al pubblico nel test contro l’Ebolitana (ore 18). Il sindaco Leopoldo Di Girolamo ha invitato i tifosi a tornare allo stadio a riempire il Liberati proprio per dare maggiore sostegno al lavoro svolto dalla nuova proprietà. Ranucci conferma il rapporto di collaborazione avviato col Comune e dice: “Le maglie che vedrete sono quelle scelte dai tifosi, abbiamo trovato questa tradizione e l’abbiamo confermato” e spiega: “Stiamo lavorando parallelamente anche ad organizzazione e struttura, oltrechè sul mercato. Stiamo lavorando alacremente sul mercato, sino a tarda sera, perchè vogliamo fare arrivare il meglio, per toglierci presto delle soddisfazioni”. Continuano a circolare in proposito i nomi di Mattia Finotto della Spal, Stefano Candellone del Torino ex Gubbio e Simone Palombi, fresco di rinnovo con la Lazio.

Guarda l’intervento del presidente Stefano Ranucci

Ad indossare le divise Biagio Meccariello (la prima maglia), Martino Defendi (la seconda), Andrea Signorini (la terza) e Alessandro Plizzari (la prima divisa dei portieri)

VIDEO INTERVISTA AL PRESIDENTE RANUCCI: “TRATTIAMO UN GIOCATORE DI A, E SULLA DENOMINAZIONE...”

TERNANA (3-5-2): Plizzari; Valjent (15’st Di Sabatino), Marino(1’st Meccariello), Signorini (22’st Salvemini); Sernicola (1’st Ferretti), Defendi (27’st Di Paolantonio), Paolucci (1’st Bordin), Varone (1’st Capitani), Favalli (34’st Zanon); Tiscione (10’st Carretta), Albadoro (1’st Montalto). A disp: Bleve, Battistoni, Giannone, Canalicchio, All. Pochesci
EBOLITANA (4-3-3). Viscido (28’st Spicuzza); Abbate, Landolfi, Scognamiglio, Gambardella; Bruno, Maisto,(15’st Coulibaly) Pecora; De Rosa Ciotti, Liccardi. A disp: Della Guardia, Federico, Gagliardo, Pisani, Ammoscato, Gaita, Panico. All.Nastri
MARCATORE: 5’pt Albadoro, 24’pt Valjent, 28’pt Tiscione, 4’st Capitani, 32’st Montalto
NOTE: Partita giocata a porte chiuse. Al 30’ pt timeout per il caldo

TERNI – Nuovamente un test poco probante per la Ternana, a pochi giorni dal debutto ufficiale. Il caldo africano, ben oltre i 40 gradi anche nel tardo pomeriggio, taglia le gambe e così nel galoppo contro l’Ebolitana neopromossa in D si vede solo la differenza di categoria. Pochesci ha comunque potuto verificare a che punto sono gli automatismi della squadra e su questo fronte la risposta è apparsa positiva. A riposo Franchini. Come già nelle precedenti uscite, il match è un tiro a segno: dopo 25’ Fere avanti 2-0 ma praticamente in campo ad una sola porta. Al 5’ calcio d’angolo di Paolucci e colpo di testa vincente di Albadoro, subito dopo Valjent cerca il bis in fotocopia, poi al 14’ ancora un colpo di testa alto di poco, quello di Varone. I biancazzurri ospiti si affacciano con Liccardi, poi riparte l’assedio: Viscido neutralizza su Tiscione prima e Paolucci poi, con Sernicola che manda alta la ribattuta, a seguire corner di Paolucci col portiere che non trattiene e Valjent che dalla distanza va a segno. Lo schema su corner ormai è assimilato: al 28’ segna Tiscione.
Ripresa con gol in bello stile: Ferretti scappa via, palla per Bordin che mette Capitani in condizione di battere a rete, con esito felice. Siamo appena al 4’ e la partita, fra cambi, caldo e stanchezza è già finita. Praticamente non si tira in porta più sino al 30’ quando Plizzari è chiamato alla parata sulla conclusione dalla distanza di De Rosa e al gol in mischia di Montalto. Poi più niente.

Tags:
Emanuele Lombardini
Emanuele Lombardini

Giornalista, cittadino d'Europa

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere