CARICAMENTO

Scrivi per cercare



Ternana, ecco anche la prima sconfitta in casa: il Vicenza passa 2-0

Calcio Sport Extra EVIDENZA2

Ternana, ecco anche la prima sconfitta in casa: il Vicenza passa 2-0

Emanuele Lombardini
Condividi

TERNANA (4-3-3): Iannarilli; Fazio, Hristov, Bergamelli, Lopez; Defendi (41’st Pobega), Callegari (6’st Frediani), Salzano (25’st Altobelli); Nicastro (6’st Vantaggiato), Marilungo, Furlan. A disp: Gagno, Vitali, Gasparetto, Diakité, Giraudo, Vives, Bifulco, Butic,  All.: De Canio.
VICENZA (4-3-1-2): Grandi; Andreoni (39’pt Bianchi D), Pasini, Mantovani, Solerio; Zarpellon (1’st Laurenti), Bianchi N, Zonta; Curcio (28’st Tronco); Arma, Giacomelli (36’st Gashi). A disp: Albertazzi, Razzitti,  Rover, Parolin, Bonetto, Maestrello, Stevanin. All.: Colella
ARBITRO: Simone Sozza di Seregno (assistenti: Pizzi-Rotondale)
MARCATORI: 20’pt Giacomelli (V), 33’st Zonta (V)
NOTE: Giornata fresca e soleggiata, terreno di gioco in discrete condizioni. Spettatori 3000 circa. Espulso al 15’st Lopez (T) per doppia ammonizione. Ammoniti: Zarpellon (V), Laurenti (V), Furlan (T), Curcio (V), Defendi (T), Grandi (V), Pasini (V).  Recupero: 2’pt 4’st

TERNI – Doveva essere la partita del riscatto, è arrivata la seconda sconfitta, la prima in casa: la Ternana cade 2-0 contro il Vicenza e lo fa in maniera assolutamente meritata: rossoverdi mai pericolosi se non per alcune giocate nel primo tempo e anche se resta il dubbio per il gol  negato a Marilungo, non può essere certo una consolazione. Due big match, due sconfitte, è un dato di fatto e non c’è niente di positivo in vista delle prossime due partite interne.

Le scelte. De Canio conferma il turnover annunciato in conferenza stampa: Nicastro per Vantaggiato, Hristov per Diakitè e Salzano per Altobelli, con il cambio di modulo: 4-3-3. Il casa Vicenza Solerio invece di Stevanin in difesa, Zarpelloni e Zonta a centrocampo.

Primo tempo. Non succede nulla per i primi 10 minuti, con le squadre che si studiano: il Vicenza si affaccia di tanto in tanto e ha una occasione sul rinvio maldestro di Iannarilli con Curcio che libera Giacomelli: tiro al volo e parata di Iannarilli.  La Ternana soffre da subito le fughe degli esterni berici e da una di queste nasce il vantaggio ospite: Zarpellon scappa via, Lopez lo ferma con le cattive al limite dell’area: punizione con scavetto di Giacomelli che lascia di stucco Iannarilli.

La Ternana reagisce al 23′ sfiora il pareggio: Defendi e Marilungo mandanno fuori giri la difesa veneta, l’attaccante si presenta davanti a Grandi che sul suo tiro ci arriva con la punta delle dita. Al 32’occasionissima per la Ternana, di nuovo su calcio franco: da posizione defilatissima Furlan batte direttamente in porta e Grandi respinge, forse  di là della linea, ma non per l’arbitro Sozza che fa proseguire. A seguire cross di Lopez per la testa di Hristov che sfiora il palo. Ternana in difficoltà nella costruzione ma sulle palle inattive reagisce. Nel finale di tempo, ancora Giacomelli sfiora il gol su assist di Zarpellon, ma la sua occasione finisce a lato.

 Secondo tempo. De Canio tenta il tutto per tutto e inserisce Frediani e Vantaggiato, passando al 4-2-4, ma è di nuovo il Vicenza ad essere pericoloso: al 7’cross di Furlan dal limite, Grandi esce ma il pallone resta in gioco e la difesa berica spazza. Il rosso a Lopez per doppia ammonizione taglia le gambe ai rossoverdi che al 20′ rischiano ancora: punizione dalla destra di Giacomelli, palla in area per il colpo di testa di Curcio senza esito.

Entra anche Altobelli, al posto di Salzano ma la mossa non scuote il centrocampo rossoverde e anzi al 33′ arriva il raddoppio biancorosso con Zonta, una bordata che non lascia scampo a Iannarilli. Poco prima, si era fatto male anche Bergamelli, rimasto in campo però nonostante un dolore ai flessori. Il raddoppio vicentino azzera di fatto la Ternana, che al 41′ vede i ragazzi di Colella sfiorare il tris con una conclusione dal limite di Laurenti.  Poi si attende solo il fischio finale, cui seguono i fischi- tanti – dei tifosi rossoverdi alla squadra e al tecnico.

Tags:
Emanuele Lombardini
Emanuele Lombardini

Giornalista, cittadino d'Europa

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere