CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Ternana, col Frosinone ultima chiamata, De Canio: “Questo deve caricarci”

Calcio Terni Sport

Ternana, col Frosinone ultima chiamata, De Canio: “Questo deve caricarci”

Redazione sportiva
Condividi

TERNI – La partita fra Ternana e Frosinone di domani pomeriggio avrà un sapore particolare. Perchè per i rossoverdi di De Canio è l’ultimissima chiamata prima di un baratro che non sarà ancora matematico ma che rischia di diventare morale e perchè in Curva Ovest i tifosi ciociari arriveranno in massa. Sarà quindi un clima surreale, con una Ternana ‘fuori casa sul campo amico’: “Questo deve darci una motivazione in più per fare bene”,  dice il tecnico, che in settimana ha dovuto lavorare anche sulla testa dei suoi: “Non ho visto un gruppo dimesso, ma certo la gara con l’Ascoli non aiuta. apisco lo scoramento dell’ambiente ma noi non molliamo assolutamente. Ai ragazzi non ho nulla da rimproverare perchè mi hanno dato massima disponibilità, hanno voglia di imparare e si allenano sempre al massimo. Poi mettere in pratica le cose durante la partita non è semplice. Anche contro i marchigiani, la partita non è stata interpretata come l’avevamo preparata, però dobbiamo prendere il buono da tutte le cose.Nessuno ha la bacchetta magica, vedo i miglioramenti”

Vietato morire. L’altro avversario di domani saranno i pronostici che danno i rossoverdi sfavoriti. De Canio ribalta tutto: “Questo fatto deve darci forza.  Poi è chiaro che un allenatore prima di schierare un giocatore deve pensare a molte cose. L’impegno non manca, comunque. Dopo Ascoli ero molto arrabbiato con la squadra, poi alla ripresa degli allenamenti ho dovuto cambiare strategia di rapportarmi con loro. Fino alla partita con l’Ascoli non mi avevano mai deluso. Pensiamo una partita alla volta, è il modo migliore per venire fuori da questa situazione”

Nessuno escluso. “Con me hanno giocato quasi tutti – dice De Canio – e cerco di far sentire tutti importanti. Carretta ha giocato nelle prime due gare, poi ho dovuto fare delle scelte. Mi piace come giocatore, ha buone qualità ma poi dipende dalle situazioni. Repossi è simile a Carretta, gli sono arrivati pochi palloni. Angiulli è una persona splendida ma in allenamento non mi ha dato le giuste risposte. Ho voluto dare un segnale a lui e a tutta la squadra. Lui mi ha chiesto un chiarimento il martedì successivo alla gara di Ascoli e non c’è stato nessun problema. Ha avuto un atteggiamento sbagliato in allenamento da parte sua ma ha capito l’errore ed è tutto a posto. Questi ragazzi non mi hanno mai dato il minimo problema”

Sul Frosinone. Dell’avversario dice: “Devo basarmi solo sulla forza dei miei, attraverso la formazione devo dare un segnale. Il Frosinone ha fatto molti gol da palle inattive, e hanno anche molta fantasia. Non voglio giocare solo per limitare l’avversario tutta la partita, non ho nemmeno giocatori che possano farlo. Le nostre caratteristiche sono quelle di portare palla e giocarla”

Team manager. De Canio archivia come un incidente l’errore del team manager Miele sul cambio, ma intanto lui si è dimesso: “Non mi riconosco in quel gesto di rabbia, ma sono un uomo anche io e in quel momento mi sono lasciato andare. Le sue dimissioni mi hanno sorpreso, se abbiamo perso non è stato di certo colpa sua. Poteva essere tutto gestito meglio, ma eravamo tutti in confusione al di là dell’equivoco”.

Le ultime. Pochi cambi rispetto ad Ascoli. De Canio vuole più centimetri in avanti e dunque potrebbe toccare di nuovo a Piovaccari. Paolucci è pronto,  tornano Signorini dalla squalifica e Vitiello dall’infortunio Plizzari è in nazionale. Assenti lo squalificato Signori e l’infortunato Zanon

Probabile formazione (4-3-1-2): Sala; Valjent, Signorini, Rigione, Favalli; Defendi, Paolucci, Varone; Tremolada; Montalto, Piovaccari.

 

 

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere