CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Ternana, ciak si gira: col raduno via alla nuova stagione: “Carichi e orgogliosi”

Calcio Terni Sport

Ternana, ciak si gira: col raduno via alla nuova stagione: “Carichi e orgogliosi”

Redazione sportiva
Condividi

TERNI– Arrivano alla spicciolata, non sottranedosi alle foto dei cronisti. Ci sono praticamente tutti, anche coloro che la società non ha – inspiegabilmente – ancora annunciato, vale a dire Suagher e Ferrante, mentre Parodi, anche lui ufficiale, era alle visite mediche. Ci sono i due Berretti Nesta e Mennini (gli altri arriveranno il 21), c’è Gianluca Onesti attaccante dell’Under 17 e – novità – il centrocampista Giuseppe Argento, 20 anni, di rientro dalla Sangiustese. Non c’è invece Mazzarani, passato alla Pistoiese e come lui assenti Gagno (verso Modena) e Fazio (diretto alla Juve Stabia in cambio di Viola). Repossi è invece a Milano a recuperare da un infortunio

La nuova Ternana si è radunata quest’oggi allo stadio Liberati, dove si allenerà ancora per qualche giorno sino alla partenza domenica 14 per il ritiro di Cascia dove la squadra resterà sino al 28 luglio. Parlano il tecnico Fabio Gallo, i due confermati Paghera e Defendi e per la prima volta i nuovi Sini e Mammarella.

Gallo. Il tecnico parte annunciando che Tiziano Mucciante, collaboratore tecnico, farà parte per ora della rosa a tutti gli effetti. “L’obiettivo era partire con la squadra piú al completo possibile ed essendo stati subito in contatto col ds, abbiamo cercato di non perdere tempo. Siamo già a un buonissimo punto per la difesa, il reparto che necessitava di piú attenzione. Abbiamo nel mirino un obiettivo chiaro che è quello di fare in modo che tutti quelli che si sono abbonati vengano allo stadio. C’è pressione, ma è normale: a Terni si vuole qualità del gioco e voglia di soffrire e tutti devono sentire questa pressione”

Gallo parla poi dei tempi del gruppo, che consentiranno di lavorare e programmare con più ponderazione: “L’anno scorso siamo andati un pò di fretta e comunque abbiamo registrato la difesa, quest’anno voglio lavorare bene e meglio anche sull’attacco. Fra l’altro, è un reparto dove ancora può accadere di tutto, è un mercato a parte. C’è voglia di riscatto, ci deve essere Il nostro obiettivo è lasciare il meno possibile al caso, ci sarà un’idea ben definita di vosa vuol dire fare calcio in un certo modo a Terni. Giocare alla Ternana deve essere un lustro nella carriera di ognuno”.

Defendi e Paghera. Parlano poi due dei confermati, i centrocampisti Paghera e Defendi. L’ex Avellino dice: “Abbiamo una grande responsabilità, le undicimila persone che si sono abbonate e noi sentiamo di dover dare tanto anche per loro. Vogliamo far sì che la nostra gente sia orgogliosa di noi. Prima dei risultati, vogliamo creare una squadra che lotta tutte le partite e su tutti i palloni. SE faremo questo arriveranno i risultati. Tutti noi, ma soprattutto chi è rimasto deve dare dimostrazione del proprio valore e questo non possiamo farlo a chiacchiere bensì sul campo, abbiamo qualcosa da farci perdonare”. Il capitano è ancora più diretto: “E’ veramente bello – spiega riferendosi alla campagna abbonamenti – vedere tutta questa gente che si è legata a noi. Speriamo di ritrovarli tutti quanti sempre allo stadio, in ogni partita. Molto se non tutto dipende da noi, ovviamente, ci dà responsabilità. Lo stadio pieno è sempre bello e dà grande carica: non vedo l’ora di vederlo pieno perchè penso che darà a tutti noi una marcia in più”.

Sini e Mammarella. I due nuovi arrivi, Sini e Mammarella, inagurano la serie di interviste-presentazione degli acquisti: “Guardare a quello che è successo l’anno scorso mi interessa poco – esordisce l’ex Pro Vercelli – comincia un nuovo percorso e sarebbe una mancanza di rispetto verso chi c’era. Partiamo con entusiasmo, che ho provato subito in questi primi giorni a Terni. Ho conosciuto il presidente e il direttore, i numeri degli abbonati sono grandi, partiamo da zero e credo che i ci sarà un atteggiamento nuovo. “Dobbiamo ripartire con la voglia di fare qualcosa di importante, lavorando giorno dopo giorno, pensare al passato non serve più”. Gli fa eco l’ex Viterbese: “.Mi ha colpito il progetto serio della società e la storia della Ternana. Voglio fare qualcosa di importante, così come la società”