CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Ternana, prima ok: a Rieti successo 3-1. Cori e striscioni per Amatrice

Calcio EVIDENZA Terni Sport

Ternana, prima ok: a Rieti successo 3-1. Cori e striscioni per Amatrice

Redazione sportiva
Condividi

RIETI (4-3-1-2): Pegorin; Zanchi, Aquilanti, Gigli, Tiraferri; Marchi, Palma (30’st De Paoli), Guiebre; Tirelli; Gondo (23’st De Sarlo), Marcheggiani. A disp.: Addario, Lazzari,  Granata, Sette, Marino, Bellopede, Del Regno, Poddie,  Bartolotta. All.:Mariani
TERNANA (4-3-1-2): Iannarilli; Nesta (15’st Paghera), Russo, Sini, Mammarella; Defendi, Proietti, Salzano; Furlan (23’st Partipilo); Marilungo (23’st Torromino), Ferrante (33’st Bergamelli). A disp.: Tozzo, Palumbo, Vantaggiato, Argento, Mucciante, Onesti, Niosi. All:: Gallo
Arbitro: Colombo di Como (assistenti Somma-D’Apice)
Marcatori: 10’pt, 20’st Marilungo, 20’pt Russo (R), 29’pt Gondo (R)
Note: Serata fresca, leggera pioggia, vento nel secondo tempo. Terreno di gioco in buone condizioni. Spettatori 5000 circa dei quali 2500 da Terni. Ammoniti: Tiraferri (R), Guliebre (R), Gondo (R). Ferrante (T), Gigli (R), Marchi (R). Calcio d’angolo: 2-6. Recupero: 0’pt 4’st.  A bordo campo il presidente rossoverde Bandecchi. Omaggio dei tifosi della Ternana alle popolazioni colpite dal sisma nei tre anni dalle scosse

RIETI– Si apre con un successo convincente la stagione della Ternana. A Rieti i rossoverdi di Gallo si impongono 3-1: pallino del gioco sempre in mano, a parte i soliti cinque minuti di amnesia nella seconda metà del primo tempo.

L’esodo. Lo Scopigno sembra il Liberati, con 2500 tifosi giunti a Rieti per seguire la prima di campionato della Ternana. La passione, ma anche il cuore e il ricordo: nel giorno triste dei 3 anni dal sisma che ha devastato il centro Italia, uno striscione bellissimo dei tifosi rossoverdi: “Amatrice: sono passati 3 anni ma non vi abbiamo dimenticato”. E anche un secondo: “Tre anni di dolore, Amatrice nel cuore”.

Le scelte. Nesta per lo squalificato Parodi e Salzano confermato dall’inizio per la Ternana. Tutto confermato secondo la vigilia per il Rieti.

Primo tempo. Avvio da tregenda per il Rieti e soprattutto per l’ex Gondo che non ne indovina una mentre la Ternana parte lancia in resta. Subito Marilungo pericoloso dal limite con una bella giocata, poi al 5′ bello spunto di Furlan  che recupera palla poi non riesce a tirare perchè subisce fallo. Al minuto 11, il vantaggio rossoverde: tiro di Mammarella che diventa un assist per Marilungo che si gira in area e segna.

La Ternana mette il turbo: al 17′ contropiede velenoso di Furlan che viene fermato fallosamente da Guiebre. Tre minuti dopo il raddoppio: ancora errore di Gondo che libera Mammarella, il quale mette in mezzo Russo che si produce in una rovesciata che Pegorin smanaccia male: Marilungo tocca quando la palla è già entrata. I due schiaffi svegliano il Rieti che ha tre occasioni in 5 minuti: prima un colpo di testa alto di Gondo, poi una giocata di Zanchi parata di Iannarilli e poi, al 29′ il gol a sorpresa proprio di Gondo, pescato libero da Palma: l’ivoriano si libera di Sini e batte Iannarilli in uscita.

Al 38′ ancora Ternana vicinissima al gol: Marilungo in area si accentra e tira, con Pegorin che è attento e gli nega il gol. Poi si va al riposo.

Secondo tempo.  Mammarella, vera spina nel fianco del Rieti, comincia la ripresa sempre di gran carriera e al 5′ mette in mezzo un cross invitante sul quale nessuno arriva. Al 10′ occasione per i rossoverdi: Proietti smarca Ferrante, che va alla conclusione ma il pallone termina di poco sopra la traversa. Poi Gallo inserisce Paghera per Nesta, arretrando Defendi in difesa ed è la mossa giusta perchè l’ex Avellino si produce in un break che manda Marilungo al tiro a tu per tu con Pegorin per il 3-1 rossoverde. Sull’asse Furlan- Mammarella pericolo al 28′ con l’ex doriano che salta un avversario ma poi non riesce a finalizzare l’azione. Poi debutta Torromino, al posto di Marilungo (entra anche Partipilo per uno stremato Furlan).

Al 25′ da corner, Zanchi ci prova di testa in tuffo con Iannarilli che ci arriva bene. Alla mezzora dentro il terzo ex della sfida, Andrea De Paoli, classe 1999, ex Primavera. Proprio lui al 38′ mette sui piedi di Guiebre un bel pallone ma il burkinabè sbaglia il tiro. In pieno recupero, schema su punizione con finta di Torromino e tiro di Mammarella da posizione defilata e palla in angolo. Si chiude coi rossoverdi sotto la tribuna Terminillo a salutare i tifosi e festeggiare il primo successo.

 

 

Prossimo