CARICAMENTO

Scrivi per cercare



Ternana Berretti da applausi, ma lo scudetto sfuma al 90′: festeggia l’Entella

Calcio Sport Extra

Ternana Berretti da applausi, ma lo scudetto sfuma al 90′: festeggia l’Entella

Emanuele Lombardini
Condividi

VIRTUS ENTELLA: D’Amora; Lai, Bonini, Lipani, Reale, Nagy, Brunozzi (42’st De Rigo), Simone, Petrovic, Meazzi (30’st Garbarino), Viani.  A disp.: Gragnoli, Chiriaco, Renzone, Scognamiglio, Sakhi, Costa, Testore, Verardo, Laganaro. All: Castorina.
TERNANA: Vitali; Battistoni (34’st Pavanello), Tancredi, Filipponi, Mazzarani, De Francesco, Nesta, Mennini, Mercuri (34’st Calagna), Niosi, Di Bartolomeo. A disp.: Pernini,Furia, Siragusa, Polacchi, Pesce, Capellini, Cori, Coia, Pastore,  De Giglio All.: Mariani
ARBITRO: Tremolada di Monza (assistenti Amantea-Donato)
MARCATORI: 45’pt Nagy
NOTE: Espulso al 33′ pt Reale (V) per fallo da ultimo uomo. Ammoniti Battistoni (T), Viani (E)

NOVARA  – Il sogno dura 90′, poi si infrange sulla punizione dello slovacco Nagy, che regala lo scudetto alla Virtus Entella. A fine gara la delusione per la Ternana Berretti di Ferruccio Mariani è tantissima, tanta quanto il rammarico di non aver portato a casa una partita giocata per oltre 60′ in 11 contro 10 per il rosso a Reale. Ma ai ragazzi rossoverdi va comunque l’applauso per un stagione super, ben oltre le attese.

Primo tempo. Meglio l’Entella nel primo tempo: subito due occasioni, la più pericolosa è al 12′ con Petrovic, al termine di un’azione manovrata, ma il tiro del croato non impensierisce l’estremo rossoverde. Al 27′ grandissima occasione per la Ternana con un tiro cross di Nesta che dopo una fuga sulla destra costringe D’Amora alla parata in estensione. Sul rovesciamento di fronte, contropiede di Viani e tiro a giro che centra il palo alla sinistra di Vitali. Al 33′ il rosso a Reale, che stende Di Bartolomeo lanciato in area da un contropiede. Filipponi non sfrutta la seguente punizione

Secondo tempo. L’Entella si chiude progressivamente e la Ternana soffre, nonostante il vantaggio in termini di uomini. Il palo di Nesta (doppio passo e tiro sul palo lontano, con D’Amora fuori causa) accende un secondo tempo tutto di marca rossoverde, nel quale la squadra domina ma non riesce a sfondare. Al 6′ cross dalla destra di Di Bartolomeo, palla su secondo palo e tiro in corsa di Tancredi con D’Amora che para facile; l’Entella risponde con Viani  che supera di Di Francesco e mette in mezzo per nessuno, poi Lipani ha due occasioni. Al 20′ molto bravo il portiere D’Amora con la mano di richiamo sulla gran botta di Mercuri: pallone in corner, poi non sfruttato. Poi Nesta semina di nuovo il panico e si incunea in area di rigore e batte a rete, con palla che finisce a lato di un niente. Risposta dell’Ellera con, palla a lato.

La Ternana spinge sul gas, il pressing cresce e l’Entella arretra, giocando di contropiede. Si guadagna una punizione al 90′ ed è quella decisiva: palla in mezzo di De Rigo, Nagy ci arriva  e stacca, difesa ferma e Vitali battuto. Festa biancoceleste, delusione Fere.

Tags:
Emanuele Lombardini
Emanuele Lombardini

Giornalista, cittadino d'Europa

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere